20 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Roma: rapina 'lucciola' colpendola al volto. Denunciato da carabinieri

(ASCA) – Roma, 24 mar 2014 – Nella tarda serata di ieri, una ragazza della Repubblica della Sierra Leone, di 24 anni, che si prostituiva nel parcheggio di un esercizio commerciale del Collatino ha chiesto aiuto al ”112” dopo essere rimasta vittima di una rapina. La ”lucciola” ha raccontato ai Carabinieri della Stazione Roma Tor […]

(ASCA) – Roma, 24 mar 2014 – Nella tarda serata di ieri, una ragazza della Repubblica della Sierra Leone, di 24 anni, che si prostituiva nel parcheggio di un esercizio commerciale del Collatino ha chiesto aiuto al ”112” dopo essere rimasta vittima di una rapina. La ”lucciola” ha raccontato ai Carabinieri della Stazione Roma Tor Sapienza, intervenuti sul posto, che, poco prima, un ragazzo, a bordo di un’auto, l’aveva avvicinata e dopo averla colpita al volto, si era impossessato della sua borsa con i soldi, fuggendo a tutto gas. La vittima ha avuto la freddezza di prendere nota della targa dell’auto e di fornirla ai militari che si sono subito messi sulle tracce dell’aggressore. L’auto non e’ risultata rubata, ma intestata ad un signore romano, il cui figlio 24enne aveva alcuni precedenti penali. Nel frattempo, la vittima e’ stata portata in caserma e sottoposta ad una seduta di riconoscimento fotografico: in base alla caratteristiche somatiche del rapinatore da lei fornite, le sono state mostrate decine di fotografie di persone con precedenti penali e connotati simili. Dopo alcuni minuti, la giovane ha riconosciuto, senza ombra di dubbio, il suo aggressore: si trattava proprio del figlio del proprietario dell’auto che si era allontanata subito dopo il colpo. A quel punto, i Carabinieri hanno individuato il ragazzo a casa della convivente in via dell’Acqua Bullicante. Considerati gli indizi concordanti, sentito il parere dell’Autorita’ Giudiziaria, il 24enne e’ stato denunciato a piede libero con l’accusa di rapina. red-gc

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014