13 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Siria, colloqui di pace terminati, ma continuano i bombardamenti

Colpito anche un ospedale di Medici Senza Frontiere ad Aleppo

La seconda tappa dei colloqui di pace sulla Siria si è appena conclusa. E la prossima, ha incalzato l’inviato speciale dell’Onu Staffan de Mistura, dovrà essere organizzata presto: entro la fine di maggio. Ma le notizie che sono arrivate dalla Siria negli ultimi giorni non sono affatto rassicuranti, a cominciare dai bombardamenti che hanno colpito anche un ospedale gestito da Medici Senza Frontiere, nella già martoriata zona di Aleppo, riguardo ai quali però non si conoscono ancora i dettagli. Lì, tra le vittime, si sono contati anche bambini e personale medico – fra cui, hanno riportato le agenzie di stampa, l’ultimo pediatra presente proprio nella città di Aleppo.

 

La tregua che, sulla carta, è in vigore dalla fine di febbraio è insomma sempre più debole. E de Mistura, che si è comunque detto ottimista poiché ci sono stati dei “progressi nelle trattative”, ha quindi sottolineato la necessità di “rivitalizzare” il cessate il fuoco.

 

Come? Attraverso l’influenza di Washington e Mosca, a cui l’inviato dell’Onu ha fatto appello affinché le due super potenze lavorino davvero insieme. Anzi, ha lanciato anche la proposta di un bilaterale fra Stati Uniti e Russia prima che si tengano i prossimi colloqui di pace a Ginevra, durante il quale si possano magari tracciare le linee guide che serviranno a concretizzare le trattative.

 

Ma l’importanza di un ruolo più “fattivo” di Casa Bianca e Cremlino va ben al di là. Starebbe alla base anche del successo della lotta al terrorismo (grazie allo scambio in materia di intelligence) e contro l’Isis in particolare, poiché permetterebbe di arginare il flusso di terroristi da e verso Paesi come Siria, Libia e Iraq e, quindi, di sventare attentati. Come quelli che si stavano progettando a Roma e che hanno portato all’arresto di sei persone in Lombardia.

 

 

t.p.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014