14 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Cinque musei straordinari da visitare senza biglietto

Ecco dove è possibile godere l'arte senza limitazioni, ad ingresso libero

 

 

Grandi mostre temporanee e prestigiose collezioni permanenti. I musei della Capitale custodiscono un patrimonio unico, da sfogliare giorno dopo giorno. Un privilegio che romani e turisti apprezzano sempre e comunque, ma in modo particolare quando il biglietto è gratuito. Come nella Notte dei Musei del 17 maggio scorso, con i duecentomila visitatori e le lunghe code fino a tarda notte a conferma che “La città ha sete di cultura”, per usare le parole del sindaco Marino. E che, se ha un peso la voglia di condivisione, anche l‘ingresso libero offre una considerevole spinta in più a godersi l’arte

A ben cercare, Roma offre tutto l’anno luoghi da visitare mettendo insieme il piacere della scoperta e della gratuità. E’ noto a molti che i Musei Vaticani aprono al pubblico senza biglietto ogni ultima domenica del mese, dalle 9 alle 12. Unico prezzo da pagare: la sveglia puntata di buon mattino. Ma forse sfugge ai più che ci sono luoghi d’arte sempre accessibili senza ticket. Sono spazi carichi di storia e di storie, a volte misteriosi, sempre interessanti, ai quali l’assenza di un transito di massa regala un fascino tutto speciale. Ecco quali sono i primi cinque musei romani gratuiti che valgono una visita secondo Radio Colonna.

1. Il Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti Decorative, con le sue collezioni di mobili, sculture, dipinti, abiti che rievocano l’atmosfera di una casa nobiliare dell’inizio del secolo scorso. Via Boncompagni 18, tel. 06 42824074, mar-dom  dalle 9 alle 19 www.gnam.arti.beniculturali.it

2. Il Museo Hendrik Christian Andersen, con le straordinarie sculture di grandi, medie e piccole dimensioni in gesso e bronzo realizzate attorno all’idea utopica di una grande ‘Città mondiale’. Via Pasquale Stanislao Mancini 20, tel. 06 3219089, dalle 9.30 alle 19. www.gnam.arti.beniculturali.it

3. Il Museo Mario Praz 
a Palazzo Primoli, ovvero la casa del famoso studioso, con la sua collezione di oltre 1.200 oggetti fra mobili, dipinti, sculture e altro.
Via Zanardelli 1, tel. 06 6861089, mar-dom, dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 18,30. www.gnam.arti.beniculturali.it

4. L’Istituto Nazionale per la Grafica nella sede prestigiosa nel complesso monumentale della Fontana di Trevi, che comprende il Palazzo Poli e il Palazzo della Calcografia, costruito nel 1837 dall’architetto Valadier. Conserva un patrimonio di opere che documentano l’arte grafica nelle sue differenti tipologie: dalla serialità dei multipli a stampa all’unicità dei disegni e delle matrici, alle fotografie. Via della Stamperia 6, tel. 06 699801, mar – dom, dalle ore 10 alle 19. Fino al 13 luglio 2014: mostra di Pasquale Ninì Santoro, ‘Racconto’. www.grafica.beniculturali.it

5. Palazzo Braschi Museo di Roma, da scegliere per una visita privilegiata che illustra momenti della storia e della cultura a Roma tra Seicento e Settecento, attraverso dipinti, sculture e opere d’arte decorativa. Piazza San Pantaleo 10, tel. 060608, il lunedì (escluso 2 giugno) ore 17 con tour guidato. Fino al 30 giugno.www.museodiroma.it

Per gli appassionati d’arte l’ingresso gratuito significa poter tornare più volte a cuor leggero nello stesso luogo ed assaporare, in tutta tranquillità, le sensazioni trasmesse dalle opere e dal contenitore. Da provare. (r.p.)

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014