'Hermitage', il film: proiezioni-evento solo il 14 ottobre

La pellicola che racconta il Museo di San Pietroburgo in cinque sale romane

 

C’è fra gli altri un precedente illustre che ha fatto moltissimo parlare di sè: è il film documentario ‘Pompei’ prodotto dal British Museum. Lo scorso autunno (era novembre 2013), mentre nel sito archeologico si accavallano crolli, polemiche, disservizi e dintorni, per soli due giorni in cento cinema gli spettatori divoravano ogni fotogramma della pellicola realizzata dal direttore del museo Neil McGregor, sull’onda del successo della mostra omonima ospitata nel prestigioso museo londinese. Anche la musica ha scelto questo format della proiezione solo per un giorno (o al massimo due): nel weekend dell’11 e 12 ottobre, ad esempio, a far cassetta è il film concerto della boy band anglo-irlandese One Direction, titolo ‘Where We Are’. Il buio della sala, il grande schermo, il piacere di condividere con altri spettatori la stessa passione, e quella sensazione di partecipare ad un evento dal sapore irripetibile: ecco gli ingredienti che stanno facendo crescere il successo di questi appuntamenti cinematografici.

Prossima tappa: San Pietroburgo, Russia. Il 14 ottobre in un centinaio di sale da Nord a Sud del Paese, a Roma in quattro sale – Uci Porta di Roma, The Space Parco de’ Medici, The Space Moderno, Farnese – è in programma la proiezione della pellicola ‘Hermitage. 250° Anniversario’ di Margy Kinmonth. Un viaggio nel tempo e nello spazio dentro un Museo che custodisce una delle più grandi collezioni d’arte del mondo. Chi non ha sognato di visitare questo luogo di grande bellezza e armonia? E di poter ammirare, da vicinissimo, i suoi capolavori? In molti, siamo certi, pianificheranno il viaggio dopo aver assistito alla proiezione. E per chi ha già vissuto l’esperienza, sarà senz’altro un interessante ripasso.

Per la prima volta il leggendario Museo di San Pietroburgo rivela i suoi segreti attraverso un film avvincente.

Ecco la trama diffusa dal sito che promuove l’evento.

“E’ il 1764 quando la zarina Caterina II, l’amica di penna di Voltaire e Diderot, acquista 225 dipinti della raccolta d’arte di un mercante berlinese: nasce così in pieno secolo illuminista il primo germe dell’Hermitage, il Museo di San Pietroburgo che rappresenta una delle mete più amate dei viaggiatori di tutto il mondo. La zarina lo immagina come un luogo isolato, un eremo non lontano dalla Prospettiva Nevskij e con una magnifica vista sul fiume Neva: “un petit ermitage” dove godersi momenti di rigenerante riposo circondata solo da pochi amici intimi e da opere d’arte. 250 anni dopo, l’Hermitage celebra il suo anniversario e lo fa con un evento cinematografico impressionante. Il tour esclusivo guiderà gli spettatori all’elettrizzante scoperta di alcuni dei tre milioni di pezzi conservati nel sontuoso scrigno di San Pietroburgo. Da quel fatidico 1764 la collezione si è allargata a dismisura: la zarina Caterina non mancò infatti di allargare pian piano la preziosa raccolta. Né furono da meno gli altri zar della dinastia Romanov, che anno dopo anno arricchirono la collezione aprendola al pubblico a metà Ottocento, quando per le vie della città si incontravano i grandi scrittori russi, Puškin, Gogol, Dostoevskij, Tolstòj e Čechov…”. Buona visione e… buon viaggio.

(r.p.)

 

‘Hermitage. 250° Anniversario’, un film di Margy Kinmonth, al cinema il 14 ottobre 2014

www.nexodigital.it/1/id_371/HERMITAGE—250-deg–anniversario.asp

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna