15 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Niente fondi per curare i monumenti

L’allarme lanciato dal soprintendente Francesco Prosperetti

“Non ci sono più soldi, la ‘manutenzione’ dei monumenti è qualcosa che le pubbliche amministrazioni non possono più permettersi ma questo non vuol dire abbassare la guardia”. È questo il grido d’allarme lanciato dal soprintendente dell’area Archeologica di Roma, Francesco Prosperetti. Che rilancia: “Immagino un ruolo di sussidiarietà da parte della società civile, credo che si debba praticare una sorta di ‘affidamento’ dell’opera artistica o allo sponsor iniziale del lavoro, con una serie di accordi, oppure a un’associazione di cittadini che si faccia carico della cura e del decoro”. Sembra, insomma, che l’unica via percorribile sia quella di ricorrere alle grandi griffe del lusso, da Bulgari a Tod’s, passando per Fendi e Laura Biagiotti, che si sono occupati di finanziare i lavori di restauro di alcune dei monumenti più importanti della Capitale.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014