12 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Pier Luigi Nervi, le sue innovazioni in mostra al Maxxi

Lo Stadio Flaminio e il viadotto di Corso Francia sono opera sua

Pier Luigi Nervi e la ricerca sperimentale, dedicata alle possibilità costruttive del cemento armato: uno strettissimo rapporto tra tecnica ed estetica, ovvero tra sincerità costruttiva e bellezza. Al Maxxi, una mostra presenta Nervi come uno dei protagonisti dell’architettura e dell’ingegneria in Italia e in Europa, progettando e realizzando una serie di opere che rappresentano dei veri e propri monumenti dell’eccellenza artigianale del made in Italy e che lo consacrano a livello internazionale come il “campione del cemento”.

In Italia, grande successo hanno il trampolino dello stabilimento balneare Kursaal sul litorale romano e soprattutto le opere realizzate per le Olimpiadi di Roma nel 1960: il Palazzetto dello Sport, il Palazzo dello Sport all’Eur, lo stadio Flaminio, il viadotto di Corso Francia. Miracoli costruttivi, realizzati in pochi anni e a costi bassissimi, sono possibili grazie a un originale modo di progettare e costruire basato su invenzioni da lui stesso brevettate: la “prefabbricazione strutturale” e il “ferrocemento”.

Nel 1954 l’ingegnere e il figlio maggiore Antonio creano lo Studio Nervi, che si affianca al braccio operativo dell’impresa di costruzioni come studio progettuale, nel quale entrano nel 1960 anche altri due dei suoi figli, Mario e Vittorio. Ben presto, lo Studio Nervi è chiamato da ogni parte del mondo per progetti o consulenze strutturali, in particolare, sull’onda dell’enorme successo internazionale delle opere realizzate per le Olimpiadi romane, per impianti per lo sport e stadi. (g.f.)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014