12 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Real Bodies, un chilometro di coda per scoprire il corpo umano

Circa 20 mila visitatori in due settimane, è record per la mostra più attesa

Il chilometro di coda non ha spaventato (quasi) nessuno nel weekend. Eppure l’attesa per visitare una delle mostre più attese a Milano era davvero troppo lunga. Tanto lunga da spingere gli organizzatori a esortare tutti innanzitutto ad acquistare online i biglietti, ma soprattutto a visitarla nei giorni feriali. Se possibile, ovviamente.

 

L’evento in questione è Real Bodies, la mostra di veri corpi umani, fra l’altro in anteprima mondiale, ospitata allo Spazio Ventura XV (zona Lambrate). E che, in sole due settimane, ha attirato circa 20 mila persone. E anche qualche critica, per la verità, a causa del tema “molto forte”. Ma è pur sempre il corpo umano a essere in mostra, la macchina più meravigliosa del mondo. E, comunque, per chi ha lo stomaco un po’ debole i curatori si sono premurati di scrivere a grandi lettere, laddove necessario, che a chi teme di non sentirsi a proprio agio è vivamente consigliato non proseguire – o guardare da un’altra parte.

 

Dunque, Real Bodies è semplicemente la prima e migliore occasione per esplorare davvero il corpo umano, dal momento che sono esposti più di 350 tra organi e corpi umani interi, trattati con la tecnica della polimerizzazione. Dodici in tutto le aree espositive dedicate ad altrettanti apparati. E poi spazi dedicati alle dipendenze, alla chirurgia ricostruttiva, mentre c’è anche la “Galleria degli atleti”, dove i corpi sono stati posti in posizioni tratte da sport come calcio, basket e danza. Senza dimenticare l’omaggio a Leonardo da Vinci, nella stanza che ospita l’Uomo Vitruviano.

 

Un vero e proprio evento culturale, insomma, ed ecco perché, fino al 29 gennaio, saranno accolte anche le scuole, con le quali si lavorerà in particolare intorno al tema della prevenzione delle malattie.

 

 

t.p.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014