16 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Ville storiche abbandonate e degradate

80 casali abbandonati. La sfida del Campidoglio è valorizzarli

Le scuderie di Villa Ada abbandonate, le serre ottocentesche di Villa Pamphili usate come rifugio dei disperati. Sono solo due esempi di una tendenza sempre più frequente nella Capitale, in cui le Ville storiche, che possiedono al loro interno casali ed edifici, sono lasciate abbandonate al loro destino. Su 214 edifici censiti dal Movimento 5 Stelle prima delle elezioni, sono circa 80 quelli che vivono nell’abbandono e nel degrado.

 

“Una ricchezza immensa, che non ha eguali in Italia – ha dichiarato Claudio Parisi Presicce, a capo della Sovrintendenza romana ai Beni culturali – Con la nuova amministrazione dobbiamo definire le modalità del rapporto con gli enti privati: la legge impone attività culturali che vanno declinate a seconda del luogo in cui ci troviamo. Ad esempio, nelle serre di villa Pamphili si può immaginare la valorizzazione del patrimonio botanico. Senza dimenticare però attività secondarie ma necessarie come bar e ristoranti”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014