torna su
25/10/2020
25/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Berdini choc: pronti a chiudere le metro

L’assessore: “città sull’orlo del fallimento”, pronti allo stop in primavera senza aiuto dello stato

Marco Scotti
di Marco Scotti | 2016-12-23 23/12/2016 ore 12:59

«Se non facciamo urgentemente la manutenzione straordinaria, entro primavera le metro A e B rischiano la chiusura. È lo stato che deve darci i soldi». Parole e musica di Paolo Berdini, l’assessore all’Urbanistica del comune di Roma, che ieri sera alla 7 è intervenuto a “gamba tesa”. Oggetto del contendere, il cosiddetto “patto per Roma”, ovvero uno stanziamento ad hoc per la Capitale che consenta di completare le infrastrutture primarie per il rilancio della città.

Inutile nascondersi dietro a un dito o a sterili polemiche tra partiti: Roma, senza un’iniezione di liquidità extra, è avviata a un rapido e inesorabile fallimento, sotto tutti i punti di vista, compreso quello finanziario. Lo stesso Berdini ha ricordato, senza troppi giri di parole, come Roma sia “sull’orlo del fallimento. Un miliardo è la cifra che serve per affrontare l’emergenza abitativa. In totale, penso che servano 4-5 miliardi per salvare Roma in questo frangente”.

Cifre analoghe a quelle che erano state stanziate per la città se avesse deciso di continuare nell’avventura olimpica, poi bocciata a settembre dalla giunta. I soldi servono per diversi interventi: la manutenzione della metropolitana, per esempio, che ogni giorno patisce ritardi, guasti e disservizi di varia natura.

Poi ci sono quegli investimenti, promessi – e forse in maniera eccessivamente “propagandistica” – durante la campagna elettorale e che ora non ci sono nelle casse della città. E poi c’è da sistemare definitivamente Ama e Atac, che da sole richiedono almeno due miliardi di euro. Si tratta di due partecipate di enormi dimensioni ma anche con bilanci tendenti al “profondo rosso” che necessitano di iniezioni di liquidità. Altrimenti la rinascita della città è destinata a rimanere lettera morta e i romani si ritroveranno con una capitale in default. Uno scenario che sembrava fantascienza fino a qualche mese fa ma che ora, senza interventi “esterni” rischia di diventare una drammatica realtà.

Stampa

A proposito dell'autore

Marco Scotti
255 articoli

Giornalista professionista. Ha collaborato con Liberal, Il Ghirlandaio, Affari Italiani, Il Sole 24 Ore, il Gruppo Class e La Sicilia. Ha pubblicato con Lantana "Codice Amazon"

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014