torna su
24/05/2019
24/05/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il Gra diventa un museo a cielo aperto

Presentato al Mibact il progetto Anas per la valorizzazione di alcuni tratti del raccordo. Dieci artisti urbani impegnati

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2017-03-6 6/03/2017 ore 15:12

Per migliaia di romani è sinonimo di disagi e ansia di far tardi al lavoro. Eppure adesso il Grande raccordo anulare potrebbe diventare una gigantesca opera d’arte rendendo persino meno snervanti le attese nel traffico. L’idea è dell’Anas, gestore del raccordo e del ministero dei Beni Culturali, che hanno selezionato un pool di artisti per realizzare alcune opere di street-art lungo alcuni dei sottopassi e rampe del Gra.

Il progetto, denominato Graart, è stato presentato questa mattina presso il ministero, dal responsabile Dario Franceschini, il presidente dell’Anas Gianni Vittorio Armani e da David Diavù Vecchiato, coordinatore del gruppo di artisti urbani.

L’obiettivo, come ha spiegato lo stesso Armani “è quello di fare delle infrastrutture un veicolo d’arte e cultura, andando ben oltre il loro ruolo nella mobilità di tutti i giorni. Vogliamo replicare l’esperimento in altre parti d’Italia, partendo dal raccordo di Roma e trasformarlo in un museo a cielo aperto”.

Tra i punti del Gra che ospiteranno le opere di dieci artisti di strada, i tratti di Ottavia, Boccea, Aurelia, La Rustica, Romanina e Tor Vergata.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014