torna su
21/02/2020
21/02/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Maltempo, Coldiretti: chiediamo lo stato di calamità

Venerdì vertice in Regione dopo i disastri causati ai raccolti dal maltempo

Avatar
di Redazione | 2017-05-2 2/05/2017 ore 12:33

pioggia su roma

“I titolari delle aziende danneggiate dalla siccità e dalle gelate che non hanno ancora richiesto la verifica dei danni subiti provvedano in fretta”. Lo dichiara, in una nota, Roberto Scano, direttore della Coldiretti di Roma, che aggiunge rivolgendosi agli imprenditori agricoli: “Gli accertamenti sono importanti tanto ai fini del sostegno alle richieste di calamità che i comuni coinvolti devono depositare in Regione, sia perché risulteranno dirimenti al momento di quantificare gli eventuali risarcimenti”.

 

“Una prima conta ufficiale dei danni – spiega il comunicato – si farà venerdì al tavolo convocato dall’assessore regionale all’agricoltura. Il bilancio delle perdite continua a lievitare, soprattutto nei comuni dei Castelli Romani dove vigneti e piantagioni di kiwi sono stati colpiti nel momento più delicato, quello della fioritura del risveglio primaverile. La combinazione dei due fattori climatici ha causato una devastazione, con il gelo che ha inferto il colpo di grazia alle coltivazioni già provate dalla siccità. Centinaia le aziende colpite con perdite accertate fino al 70% del raccolto. I produttori di kiwi Igp sono disperati. Il Lazio è la prima regione italiana per volumi produttivi e il comune di Velletri è uno dei più importanti della filiera con impianti produttivi nelle località di San Clemente, Lazzaria, Colle Rosso, Carano”.

 

“Qui si produce su 5.000 ettari, con una resa di 400 quintali per ettaro. In almeno la metà di essi – spiega il segretario di zona della Coldiretti, Elvino Pasquali – il raccolto è compromesso”. “Riavviare le coltivazioni comporterà un aggravio di spesa che per molte aziende appare al momento insostenibile. Coldiretti chiederà al tavolo agroalimentare del 5 maggio il riconoscimento della calamità e inoltre la sospensione degli adempimenti previdenziali e fiscali per garantire alle imprese la possibilità di fronteggiare l’emergenza”, conclude la nota.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
22192 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014