torna su
12/08/2020
12/08/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

L’Antitrust, basta col protezionismo su Uber

L’intervento in favore della piattaforma in occasione della relazione annuale alla Camera. “Serve subito una regolamentazione, ma leggera”

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2017-05-16 16/05/2017 ore 13:10

L’Antitrust torna a spingere in favore di Uber, la piattaforma online con cui improvvisarsi autisti a pagamento e che più volte i tassisti romani hanno provato a bloccare. L’occasione è stata l’annuale relazione (qui il testo) sull’attività svolta nel 2016. Il presidente Giovanni Pitruzzella ha parlato apertamente di “reazioni protezionistiche” che continuano a ingabbiare innovazione e ovviamente concorrenza.

Tra queste “quelle della categoria dei tassisti di fronte alla spinta competitiva proveniente da piattaforme come Uber, con un tentativo di introdurre freni regolatori all’espansione della sharing economy”, ha sottolineato Pitruzzella. “I recenti episodi che hanno coinvolto operatori come Uber, Airbnb e altri, mostrano chiaramente la necessità di creare al più presto un quadro regolatorio leggero, nell’ambito del quale si possano esercitare diritti e doveri di tutte le parti in causa”.

Di qui l’appunto al governo affinchè si adoperi al più presto per una legislazione in grado di porre fine a questa distorsione del mercato. “Queste modifiche avrebbero il pregio di garantire una piena
equiparazione, dal lato dell’offerta, tra gli operatori dotati di licenza taxi e quelli dotati di autorizzazione NCC e di facilitare lo sviluppo presso il pubblico di forme di servizio più innovative e benefiche per i consumatori (tipo Uber black e Mytaxi)”, si legge nella relazione.

Ma non sono mancati i paletti a un intervento su Uber. “Tale regolamentazione – tenuto conto dell’esigenza di contemperare la tutela della concorrenza con altri interessi meritevoli di tutela, quali la
sicurezza stradale e l’incolumità dei passeggeri – dovrebbe essere tuttavia la meno invasiva possibile, limitandosi a prevedere una registrazione delle piattaforme in un registro pubblico e l’individuazione di una serie di requisiti e obblighi per gli autisti e per le piattaforme, anche di natura fiscale”.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014