torna su
23/10/2020
23/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Lo stadio della Roma divide anche il M5S

Approvata in commissione la delibera per la pubblica utilità. Ma la consigliera Grancio abbandona i lavori. L’ex assessore Caudo: più debiti per tutti

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2017-06-9 9/06/2017 ore 19:05

Lo stadio della Roma avanza, ma qualche crepa si apre tra le fila del Movimento Cinque Stelle. Oggi è arrivato il via libera delle commissioni congiunte Ambiente-Lavori pubblici, al progetto rivisto dell’impianto, con le cubature tagliate, raccogliendo l’ “imprimatur” del presidente della commissione Ambiente, il consigliere M5S Daniele Diaco che era stato uno tra i “critici” dell’impostazione: “ho espresso parere favorevole alla luce delle migliorie apportate al nuovo progetto di fattibilità presentato – ha spiegato Diaco – tra cui il risanamento dell’argine del Tevere e la completa messa in sicurezza del Fosso di Vallerano. Inoltre, abbiamo formulato e inoltrato al proponente una serie di osservazioni relative alla realizzazione del Parco Fluviale nell’area adiacente allo stadio e al bilancio energetico sulle quali vigileremo, in sede di progettazione”, ha spiegato Diaco.

Ha invece abbandonato la seduta prima del voto in commissione Urbanistica-Mobilità l’altra consigliera del M5S da sempre contraria al progetto Cristina Grancio, spiegando che “per la parte urbanistica io non me la sento di dare un voto qui e ora. Per cui spero che i miei colleghi capiscano la mia posizione che non è politica e non è contro lo stadio. Non succede niente se noi ci mettiamo a studiare e a affrontiamo le questioni”. Crepe che hanno fatto seguito allo strappo ieri del Pd, fortemente critico verso la revisione del progetto, le cui cubature iniziali sono state tagliate del 50%.

Nel frattempo il Comune ha pubblicato sul proprio sito i dettagli del progetto revisionato dell’impianto giallorosso. Che, come detto, continua a far discutere.

“Meno patrimonializzazione per il pubblico, più profitti per il privato e potenziali debiti per la collettività”, è la sentenza dell’assessore all’Urbanistica della Giunta Marino, Giovanni Caudo, giudica la delibera approvata dalla giunta Raggi che ridefinisce il pubblico interesse sullo stadio della Roma. In una lettera inviata al presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito, visionata dall’Adnkronos, Caudo parla di “un debito potenziale a carico del Comune per decine di milioni di euro”, derivanti da “un’opera pubblica fondamentale per l’intervento”, il ponte sul Tevere e lo snodo di collegamento con l’autostrada Roma-Fiumicino, che, si sottolinea nella missiva, “è solo indicata nei disegni senza una precisa e chiara fonte di finanziamento”.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014