torna su
23/10/2019
23/10/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Multiservizi, Filcams Cgil: Continua calvario lavoratori

A seguito del mancato accordo tra le parti dello scorso 8 febbraio dove Roma Multiservizi aveva confermato la volontà di licenziare i lavoratori

Avatar
di G.I. | 2018-03-4 4/03/2018 ore 9:34

Continua il calvario dei lavoratori della Roma Multiservizi. A seguito del mancato accordo tra le parti dello scorso 8 febbraio dove Roma Multiservizi aveva confermato la volontà di licenziare i lavoratori, grazie alla tenacia e alla mobilitazione dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali di categoria si era riaperto il tavolo con l’impegno dell’azienda e delle istituzioni coinvolte a ritirare i licenziamenti e a gestire con gli ammortizzatori sociali l’emergenza occupazionale”. Così, in una nota, la Filcams Cgil di Roma e del Lazio.

“Nell’ultimo incontro, inspiegabilmente – continua la nota – la Roma Multiservizi ha invece confermato la volontà di voler procedere con i licenziamenti, contraddicendo la stessa Ama che aveva aperto alla possibilità di ritirarli, trovando soluzioni condivise con la committenza pubblica di ROMA CAPITALE e con le organizzazioni sindacali. Anche dalle dichiarazioni fatte dall’azienda nel tavolo di ieri è emerso che la problematica è solo di natura economica perché non vorremmo che la procedura di licenziamento fosse solo un pretesto per chiedere alla committenza maggiori commesse e quindi maggiore fatturazione. Sarebbe inaccettabile legare il destino di trenta famiglie alle sole rivendicazioni economiche dell’azienda. Abbiamo sempre proposto di ragionare a 360 gradi rispetto alle prospettive future che devono salvaguardare i servizi e i livelli occupazionali e salariali di tutti i 3500 lavoratori attualmente dipendenti della società. Per tutti questi motivi chiediamo all’assessore Gennaro di convocare un tavolo urgente per mettere insieme le parti, in base all’ impegno assunto dallo stesso assessore lo scorso 22 febbraio. Un tavolo che dia risposte definitive e non solo di facciata, in coerenza con gli impegni già assunti che devono evitare atti unilaterali, nel rispetto della salvaguardia occupazionale e salariale dei trenta lavoratori coinvolti dalle procedure di licenziamento ma anche degli altri 3500 perché se questo fosse il metodo aprirebbe un precedente pericoloso per tutti. Se così non fosse, saremo costretti a continuare con tutte le azioni che potremmo mettere in campo a tutela dei lavoratori che rappresentiamo”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
830 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014