torna su
17/07/2019
17/07/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Roma, dove sono distribuite le case popolari?

Un lavoro di Mapparoma racconta la distribuzione degli alloggi popolari a Roma e provincia.

Giacomo Di Stefano
di Giacomo Di Stefano | 2018-08-13 13/08/2018 ore 9:00

Tanti alloggi popolari nelle zone del GRA prossime a Torre Angela e San Basilio, poche nel II, XIII e XV Muncipio. Sono alcuni dati estrapolati da uno degli ultimi lavori di Mapparoma sull’edilizia residenziale pubblica (ERP) di Roma. Un tema complesso, visto il frazionamento tra patrimonio comunale gestito da Roma Capitale (circa 28.500 alloggi) e regionale gestito da ATER (46mila). Non solo. Molti alloggi appartengono ad enti o privati (3.337 alloggi) e circa 2.262 sono dislocati nell’hinterland, soprattutto a Ciampino, Anzio, Cerveteri, Guidonia, Marino, Nettuno e Pomezia.

Sul fronte ATER si sono interi quartieri composti praticamente solo da case popolari, come Tufello, con 3418 alloggi, San Basilio con 3251 e Primavalle con 2678.

Complessivamente la maggior parte degli alloggi popolari sono concentrati nel quadrante est tra la Tiburtina e la Casilina e verso il litorale (Acilia e Ostia Nord).

Valori importanti anche a ovest – Primavalle e Trullo – e nella parte nord a Fidene e Vigne Nuove.  Le singole zone urbanistiche con il numero maggiore di alloggi popolari sono Torre Angela (6244), Ostia Nord (5536), San Basilio (4680) e Primavalle-Fogaccia (3692).

Rispetto agli alloggi popolari più antichi di Garbatella, Testaccio e Montesacro dove c’è un certo mix sociale – osserva Mapparoma – in quelli costruiti tra gli anni ’50 e gli anni ’80 il disagio e le diseguaglianze rispetto al resto della città sono più evidenti.

“Il protrarsi della crisi economico-finanziaria e il conseguente impatto sul reddito disponibile delle famiglie hanno accentuato l’incidenza dei costi relativi all’abitazione sulla spesa complessiva – scrive Mapparoma – Molte famiglie manifestano sintomi di disagio abitativo, che non interessa più solo le fasce più deboli della popolazione, e si è esteso anche ai percettori di redditi fissi che non rientrano nei limiti previsti per l’ERP, ma non sono neanche in grado di accedere alla casa a condizioni di mercato.”

Stampa

A proposito dell'autore

Radiocolonna, Il Messaggero, Wired Italia. Tecnologia, politica e cronaca di Roma.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014