Categorie: Economia urbana

Atlantia, Fiumicino e il dopo Genova. Il destino di un aeroporto

Se la holding dei Benetton scorporasse le autostrade il fatturato scenderbbe a 2,5 miliardi e anche la marginalità ne risentirebbe. Intanto anche la politica frena sui piani di ammodernamento dello scalo

Gli investimenti, sulla carta, ci sono. Atlantia, il cuore pulsante da 6 miliardi di euro della famiglia Benetton, ha messo sul piatto nei mesi scorsi fino a 1,7 miliardi per l’ammodernamento dello scalo, gestito dalla controllata Adr insieme a quello minore di Ciampino (oltre ai 3 mila km di autostrade). Ci si chiede però se alla luce della tragedia genovese, la road map non subirà dei cambiamenti.

Nei giorni scorsi il gruppo guidato da Giovanni Castellucci, attraverso la controllata Aeroporti di Roma, ha assicurato la volontà di prepararsi ad avviare un nuovo importante intervento di ammodernamento dell’aeroporto Leonardo da Vinci. Il progetto di investimento è stato approvato nei giorni scorsi: si tratta di un’opera da 384 milioni di euro complessivi per la realizzazione della nuova area di imbarco A, nell’ambito del Terminal 1, dedicata ai voli per le destinazioni Schengen.

Il fatto però è che una delle ipotesi sul tavolo dei Benetton ci sarebbe, secondo alcuni rumors, lo scorporo di Autostrade da Atlantia, con possibile addio alle concessioni autostradali, come peraltro lo stesso governo caldeggia. Il che, bilanci alla mano, porterebbe Atlantia a dimagrire da 6 a 2,5 miliardi, con inevitabili ripercussioni su ricavi e margini. E su Fiumicino cambierebbe la musica?

Il problema di Fiumicino non è insomma il presente, ma il futuro. Nei primi sei mesi dell’anno in corso l’aeroporto di Fiumicino ha visto transitare oltre 13,5 milioni di passeggeri internazionali, con gli incrementi più elevati dai mercati del Nord America (+4,7%), Centro e Sud America (+20%) ed Estremo Oriente (+14,4%). A fine 2016 è stato raggiunto il record storico di 41,7 milioni di passeggeri transitati. Solo nella prima settimana di agosto nello scalo sono transitati circa 140 mila passeggeri al giorno, con un aumento di traffico per le aree extra Ue (+6,2%).

Anche perché anche la politica rischia di mettersi un po’ di traverso sulla strada dei Benetton per Fiumicino, all’indomani di Genova. “Il ponte della Scafa, che collega Ostia a Fiumicino, chiuso perché pericolante. Tutti i collegamenti con Fiumicino sono da terzo mondo, come il viadotto della Magliana, ma i signori delle speculazioni pensano soltanto al raddoppio dell’aeroporto”, ha dichiarato nei giorni scorsi il senatore di Fratelli d’Italia, Giovanbattista Fazzolari.

“Prima bisogna adeguare e potenziare i collegamenti con Fiumicino, e solo dopo si può discutere di potenziare l’Aeroporto. Impensabile portare il Leonardo Da Vinci a 70-100 milioni di passeggeri senza prima costruire un adeguato sistema di comunicazione con Roma e Ostia. Così farebbe uno Stato serio non piegato alle logiche affaristiche dei soliti noti, alla onnipresente Atlantia del gruppo Benetton che detiene, oltre ad Autostrade, anche la concessione dell’Aeroporto di Fiumicino e che continua ad utilizzare le ingenti risorse della concessione aeroportuale per perseguire i propri interessi, invece che per realizzare investimenti utili”. Per questo presenterò nei prossimi giorni una interrogazione parlamentare per chiedere al governo cosa intenda fare per rivedere il pessimo contratto di servizio dell`aeroporto di Fiumicino”.

print
Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

L’inverno avanza, da mercoledì neve a bassa quota

Ondata di aria artica con venti forti e calo temperature

13 ore fa

Disperati e infreddoliti, migranti in mezzo al mare

Tripoli non risponde alle rischieste di aiuto. In cento su un barcone in attesa che qualcuno li soccorra. Salvini: i…

13 ore fa

Strage Mediterraneo: nessun rispetto per i morti

Nel ‘’cimitero’’ dei migranti nuova strage con 170 annegati al largo della Libia e del Marocco. Farneticanti le parole dei…

18 ore fa

E’ scaricabarile sull’ennesima strage di migranti

Per Salvini la colpa è delle ong che pattugliano il mare, ma per l'istituto Ispi non c'è nessuna correlazione tra…

22 ore fa

Alitalia: allarme per 1600 lavoratori a Roma

Sindacati mobilitati per tagli ipotizzati dall’ingresso di Delta, Air France-Klm

22 ore fa

Women’s March, la marcia per i diritti delle donne raggiunge il suo terzo anno

Giunta alla sua terza edizione, sul palco di piazza degli Apostoli slogan e idee per combattere ogni tipo di violenza

22 ore fa

Campidoglio a rischio crepe

Partito un bando di gara per verificare la vulnerabilità sismica di Palazzo Senatorio

22 ore fa

Zingaretti, perchè Italia riparta primo obiettivo è lavoro

Reddito offre solo soluzioni a breve termine e indebita italiani

23 ore fa

Costa, nel 2025 chiude centrale a carbone di Civitavecchia

Alla centrale lavorano fra dipendenti e indotto circa 600 persone

1 giorno fa

Fabrizio Corona l’ennesimo show e il dentino perduto

L'enfant dallo scatto facile e intimidatorio si aggira per gli studi di tutte le TV disponibili. Raccontando del più e…

2 giorni fa

Questo sito utilizza cookie.