torna su
23/09/2019
23/09/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Via a test asfalto resistente, presto cerotto anti-buche

Gamberale, strade con grafene durano 2-3 volte in più

Avatar
di Redazione | 2018-09-25 24/09/2018 ore 18:54
(ultimo aggiornamento il 25 Settembre 2018 alle ore 9:00)

stato dell'asfalto

Un’innovazione che potrebbe migliorare la vita di tutti i romani che percorrono, ogni giorno, strade a volte dissestate, insicure e ferite da buche pericolose. Si chiama Ecopave ed è un supermodificante per asfalto a base di grafene; un componente che, aggiunto alle comuni sostanze che formano il manto stradale rende l’asfalto 250 volte più resistente e, dunque, più longevo. Con enormi risparmi in termini di costi di manutenzione e smaltimento, visto che il 30-40 per cento dei materiali è recuperabile. Una sorta di strada che si ricrea da se stessa e che azzera le spese di smaltimento e l’impatto ambientale.

Per la prima volta al mondo, grazie alla collaborazione tra Iterchimica, azienda che ha prodotto e brevettato la nuova sostanza, città Metropolitana e Università La Sapienza, l’Ecopave è stato steso su un tratto di via Ardeatina, tra il chilometro 15.800 e il 16.800, un’arteria da sempre colpita da una mole di traffico eccezionale e che diventa, quindi, un vero e proprio laboratorio a cielo aperto nel quale poter mettere a confronto la distanza rifatta con maggior grafene da quella che ne ha di meno.

“La messa in opera di questo materiale – ha spiegato il consigliere delegato della Città Metropolitana Marcello De Vito – prevede una resistenza alla fatica incrementata del 250 per cento e la possibilità di recuperare il 30-40 per cento dei materiali”, in pratica una strada che si riutilizza all’infinito e che, per questo, ha un impatto minore sull’ambiente. E non solo, l’azienda leader mondiale nel campo degli additivi per l’asfalto, presieduta da Vito Gamberale, A.d. di Tim e di Autostrade, potrebbe avere nel cassetto la soluzione all’annosa questione delle buche per la quale Roma detiene un triste primato. L’arma segreta sarebbe l’Iterlene, un additivo per asfalto “che ci consente di riciclare il 100 per cento del fresato (cioè del materiale di risulta derivante dalla fresatura dell’asfalto) – ha spiegato Gamberale durante la dimostrazione della stesura dell’Ecopave sulla via Ardeatina – e speriamo con il Comune di Roma di poter fare un esperimento sulle buche”. Si tratta di una sorta di cerotto permanente che chiude le buche in modo sicuro e non deperibile in attesa dei lavori su tutto il tratto di strada. (Fonte Ansa)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21099 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014