torna su
02/07/2020
02/07/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Alitalia: Tria, va evitata la liquidazione

Nessun ritorno alle partecipazioni statali, ma interventi per favorire occupazione e investimenti

Claudio Sonzogno
di Claudio Sonzogno | 2018-10-28 28/10/2018 ore 11:00

alitalia crisi

 

 

‘’Va comunque evitata la liquidazione di Alitalia, bisogna infatti tener conto che vi lavorano 14.000 persone’’. Lo ha sottolineato il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, intervenuto a Firenze alla festa del quotidiano ‘’Il Foglio’’. Sollecitato dalle domande del direttore, Claudio Cerasa, il ministro ha rilevato che l’eventuale presenza di capitale statale deve avvenire secondo le regole previste dalla Ue, che prevedono nella compagine azionaria una forte presenza privata.

Riguardo alla restituzione maturata del prestito di 900 mila euro concessa dallo Stato all’ Alitalia secondo una precisa autorizzazione della Ue, Tria ha detto che dovrà avvenire secondo gli accordi sottoscritti con Bruxelles. Pertanto la ventilata trasformazione dell’intero prestito o di una sua parte in azioni della compagnia è condizionato al placet della Ue. Sulla partecipazione delle Ferrovie dello Stato, Tria ha precisato che l’azienda è al 100 per cento dello Stato, ma ha un consiglio di amministrazione con autonomia di giudizio al quale spetterà la valutazione dell’ingresso o meno nel capitale Alitalia.

Secondo Tria non è pensabile tornare alle partecipazioni statali anche se, all’epoca hanno contribuito a creare nel Paese un management capace, occorre piuttosto contribuire – e lo si è cominciato a fare con una cabina di regia- a sveltire gli investimenti in infrastrutture da parte della pubblica amministrazione. Investimenti ormai bloccati da troppi anni. ‘’Al di là delle semplificazioni burocratiche – ha rilevato – in molti casi è necessario contribuire a livello di progettazione. Per questa ragione molti Comuni hanno infatti difficoltà di investire in scuole o altre infrastrutture. Con un’adeguata cabina di regia li vogliamo aiutare.’’

Per il ministro non è tanto necessario inventarsi nuovi investimenti in infrastrutture per contribuire alla crescita. All’interno della pubblica amministrazione c’è un grandissimo potenziale di investimenti che contiamo con questo governo di far finalmente decollare. Riguardo i cantieri già aperti – senza voler entrare nel merito della Tav e di altri grandi lavori – Tria ha rilevato che è opportuno, dove è necessario, sbloccarli anche per non penalizzare le grandi imprese italiane che altrimenti sono contrette a lavorare al 100 per cento all’estero.

Stampa

A proposito dell'autore

Claudio Sonzogno
153 articoli

Giornalista professionista dal 1969, ha diretto agenzie di stampa nazionali dal 1972 al 2011. Da Direttore dell'Agenzia finanziaria Radiocor e dell'Agenzia Giornali Associati, AGA, a Direttore dell'Asca, la prima agenzia italiana su Internet. Dal 2009 al 2011 Direttore dell'Agenzia APCOM/TMnews, oggi Askanews, innovativa nelle videonews. Ha collaborato con L'Espresso. Opinionista per i Gr della Rai, ha partecipato a programmi di economia. Scrive per "Prima Comunicazione".

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014