torna su
29/11/2020
29/11/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Quanto costa l’abbonamento annuale dei mezzi nelle grandi città italiane?

Da Milano a Palermo, ecco una panoramica sulle grandi del Belpaese. Con dati sorprendenti che riguardano Roma

Giacomo Di Stefano
di Giacomo Di Stefano | 2018-11-6 6/11/2018 ore 10:30

C’è l’ATAF di Firenze, l’AMAT di Palermo e poi le più note Atac di Roma e ATM di Milano. Acronimi dietro i quali si nascondono milioni di italiani e di stranieri che si muovono nelle grandi città italiane per lavoro, svago o turismo.

 

Tralasciando il costo di un singolo biglietto o di un abbonamento turistico, quanto costa quell’annuale che scelgono coloro che vivono la città 365 giorni all’anno e hanno la necessità – anche economica – di stringere un rapporto duraturo con l’azienda locale dei traporti?

In questo focus di Radiocolonna una panoramica sul costo degli abbonamenti annuali urbani standard nelle principali località italiane.

 

MILANO

Come riporta il sito dell’ATM, usare per 12 mesi solari i mezzi pubblici milanesi costa 330 euro.

 

TORINO

Nel capoluogo sabaudo, i mezzi pubblici costano per un anno 310 euro, previo acquisto di un’apposita card

 

BOLOGNA

A Bologna l’abbonamento annuale per l’area urbana costa 300 euro, un po’ meno per gli under 27 (270 euro) e quasi la metà del prezzo ordinario per gli studenti: 180 euro.

 

FIRENZE

L’ATAF, azienda fiorentina dei trasporti, prevede costo annuale ordinario di 310 euro. Per gli studenti sconto limitato: 252 euro

 

NAPOLI

Sul sito, un po’ caotico, dell’Unico Campania, c’è scritto che il costo annuale per un abbonamento integrato (con accesso ai mezzi di tutti i consorzi) è di 294 euro

 

PALERMO

L’AMAT di Palermo propone un abbonamento ordinario di 300 euro al mese utilizzabile su tutta la linea?

 

E Roma?

Nella Capitale l’abbonamento annuale costa 250 euro. Al netto dei problemi del trasporto pubblico di Roma, si tratta di una cifra molto bassa, la più bassa tra le grandi città italiane. Una cifra che consente di usufruire di tutte e tre le metropolitane, del servizio di superficie offerto da Atac e dal consorzio Roma Tpl nonché dei treni urbani che percorrono l’anello ferroviario.

Stampa

A proposito dell'autore

Radiocolonna, Il Messaggero, Wired Italia. Tecnologia, politica e cronaca di Roma.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014