torna su
20/10/2020
20/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Le dismissioni del governo, anche il Campidoglio nella lista?

L’esecutivo lavora al fondo per cedere mattone pubblico. E dentro potrebbero finirci anche sedi municipali e ministeri

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2018-12-17 17/12/2018 ore 18:55

Campidoglio

Il Campidoglio in vendita? Fanta-finanza, forse, ma forse anche no. Il governo, non è un mistero, sta approntando un piano molto robusto di dismissioni di patrimonio pubblico, valore circa 18 miliardi. Dentro c’è di tutto: caserme, ministeri, uffici. Tutto pur di far vedere all’Europa che i soldi per la crescita e per tagliare il debito ci sono. L’idea sarebbe la costituzione di un maxi-fondo dentro il quale mettere tanti piccoli grandi gioielli. Persino il Campidoglio, o meglio la sua sede. E anche quella del Ministero dell’Economia, a Via XX Settembre. Ora, non è facile capire se davvero certi immobili possano essere venduti o meno ma a rinforzare tale tesi c’è un tecnicismo: e cioè che un immobile rende solo se occupato, vuoto molto meno. Sicchè…

Nel frattempo avanzano le nuove operazioni con Cassa depositi e prestiti, come quella per la creazione di una Spa per valorizzare gli immobili pubblici in decadenza, fondi immobiliari ad hoc da convertire in forme di investimento. Sono queste le ipotesi allo studio del Governo per attuare il piano di riduzione del debito proposto nel programma di bilancio rivisto e trasmesso a Bruxelles. Nella manovra si confermano dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico da 640 milioni nel 2019 e da 600 milioni nel 2020, ma si introduce l’impegno ad accelerare il programma straordinario di privatizzazioni, salendo all’1% di Pil (18 miliardi) nel 2019, contro lo 0,3% ipotizzato a ottobre, cui si aggiungono uno 0,3% da realizzare quest’anno e un altro 0,3 nel 2020.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014