torna su
19/04/2019
19/04/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Mit, accordo non raggiunto su A24-A25 ma stop aumenti

Per il ministero le richieste del gestore “non son accettabili”. Si cerca soluzione strutturale prima di giugno

Avatar
di Redazione | 2019-01-1 1/01/2019 ore 11:30

Strada dei Parchi A24 A25

“In merito alla sterilizzazione degli aumenti tariffari 2018 e 2019 sulle autostrade A24 e A25, il Ministro Danilo Toninelli e i suoi uffici hanno impegnato fino agli ultimi giorni dell’anno per individuare una soluzione che evitasse lo spropositato aumento di oltre il 18% sui pedaggi dal 1 gennaio 2019 con il concessionario Strada dei Parchi”. Lo ha affermato il ministero delle Infrastrutture (Mit).

“Nonostante la disponibilità del Mit, non è stato raggiunto un accordo a fronte della reiterazione di pretese che il gestore sapeva e sa non essere accettabili e si è dunque proceduto con decreto interministeriale per sterilizzare, almeno fino alla fine giugno, gli aumenti dei pedaggi: sia quello del 12,89% previsto per il 2018 sia quello del 5,59% che sarebbe dovuto scattare domani. Questi rincari sono il frutto del mancato raggiungimento, per i 5 anni della precedente legislatura, di una soluzione strutturale sulla concessione, che adesso invece il Ministero sta perseguendo fattivamente, da ultimo attraverso l’interessamento diretto della Commissione Ue”.

Questo – ha concluso il Mit – senza dimenticare l’impegno per la messa in sicurezza dei viadotti, che resta prioritaria e sulla quale l’attenzione è stata massima sia nel controllo che nella ricerca di soluzioni concrete che hanno visto l’anticipo dei 192 milioni di euro previsti per questo nel Decreto Genova”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
19514 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014