torna su
29/11/2020
29/11/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Movimenti per la casa in sit-in a Bocca della Verità

diritto di residenza e libertà di movimento

Avatar
di Redazione | 2019-03-1 1/03/2019 ore 15:30

Il sit in dei Movimenti per la casa

“Diritto di Residenza e Libertà di Movimento. #indivisibili”. È lo striscione esposto in piazza Bocca della Verità a Roma dai Movimenti per il diritto all’Abitare, per manifestare, contro “la persistenza dell’articolo 5 del cosiddetto ‘Piano Casa’ del 2014, che nega la residenza a chi occupa, e contro la legge Salvini che aggredisce il diritto alla residenza dei richiedenti asilo in attesa di permesso”.

Dalle tante famiglie con bambini agli studenti, passando per i centri sociali, migranti e associazioni: una folla composta da diverse realtà sociali è scesa in piazza per chiedere “che sia indicato all’Anagrafe e ai municipi romani un percorso che ripristini in maniera formale il diritto alla residenza e garantisca la libertà di movimento contro tutti quei muri e quelle barriere interne, che si sommano alle frontiere esterne, utili solo a fomentare odio sociale e guerra tra poveri”.

Tra bandiere rosse con su scritto “Stop sfratti sgombri e pignoramenti” e lo slogan “indivisibili”, che colorano il sit-in, ad animare la manifestazione anche i cori e la musica proveniente dalla casse audio installate in piazza, che si alterna con gli interventi al microfono da parte di esponenti dei movimenti per il diritto all’abitare e di molti cittadini che raccontano la propria esperienza.

Una protesta, dunque, che si rivolge sia contro l’articolo 5 del cosiddetto “Piano Casa” del 2014 del governo Renzi, che contro il decreto sicurezza del ministro dell’interno Matteo Salvini.

“La giornata di oggi, 1 marzo, è stata lanciata da un’assemblea nazionale che c’è stata a Macerata qualche tempo. – ha detto Paolo Di Vetta dei Movimenti per il diritto all’Abitare – Ci siamo riconosciuti nello slogan ‘indivisibili’ che unisce le lotte degli italiani a quelle dei migranti. Oggi è una giornata legata al diritto di residenza e alla libertà di movimento. Ci sono delle leggi che stanno impedendo l’iscrizione anagrafica dal 2014 per chi occupa un edificio e non ha un titolo. Soprattutto, con la legge Salvini, adesso questa iscrizione anagrafica è negata anche ai rifugiati in attesa di status riconosciuto. Noi – ha concluso Di Vetta – chiediamo che venga cancellato l’articolo 5 della legge Lupi del 2014 e che venga anche cancellata la legge Salvini che affronta la sicurezza e l’immigrazione in una forma securitaria che non accettiamo”. Al presidio hanno aderito anche i sindacati Cobas.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24252 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014