torna su
22/10/2019
22/10/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Dopo Rocca Cencia la crisi dei rifiuti è dietro l’angolo

Lo dicono i numeri. Due Tmb fuori uso e tutti di proprietà Ama. Piano industriale fermo e differenziata al 44%. Serve altro?

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2019-03-25 25/03/2019 ore 19:00

Una strada di Roma Nord

Quattro Tmb, due fuori uso dopo l’incendio di questa mattina a Rocca Cencia. Troppi due impianti out per una metropoli priva di inceneritori e che da anni è costretta a spedire altrove i suoi rifiuti. La crisi ambientale, per chi non lo avesse ancora capito, è dietro l’angolo. E non è pessimismo, ma realismo. Il piano industriale di Ama è rimasto solo sulla carta e la differenziata è inchiodata al 44%. Se la spazzatura non può andare al Salario e nemmeno a Rocca Cencia, allora dove va? Il piano di Ama prevedeva la creazione di nuovi siti, ma tra bilanci non approvati e continui ribaltoni al vertice, tutto è rimasto impantanato. I famosi 13 nuovi impianti presentati come la soluzione di tutti i mali della gestione dei rifiuti non saranno insomma mai realizzati prima della fine della legislatura. Già sarà un miracolo se saranno messi in funzione i due impianti di compostaggio di Casal Selce e Cesano, ma anche su quelli si addensano nuvoloni.

Allora forse ha davvero ragione Legambiente quando preannuncia nuove crisi ambientali. “Dopo l’incendio all’impianto del Tmb Salario le fiamme hanno avvolto la scorsa notte l’impianto di Rocca Cencia, l’ultimo di proprietà’ Ama ancora in funzione nella gestione del ciclo dei rifiuti romani. Oggi Roma piomba all’anno Zero nella gestione del ciclo dei rifiuti. Già senza diffusione del porta a porta senza nuove isole ecologiche, senza aumento della percentuale di differenziata, senza assessore all’ambiente e vertici Ama, senza impianti in costruzione e, da oggi, senza neanche più un impianto di proprietà per gestire almeno parzialmente l’enorme flusso di rifiuti prodotti. Un milione e settecentomila tonnellate annue di rifiuti totali e di questi, a causa di una diffusione della differenziata ferma da tre anni, un milione di tonnellate sono indifferenziato che al momento viene portato tutto in altri territori. Centocinquanta camion pieni di monnezza al giorno giaà andavano altrove, dopo l’ennesimo rogo andrà ancora peggio, con costi economici folli e costi ambientali assurdi”.

Stampa

tagsAMA, rifiuti, tmb

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014