Categorie: Economia urbana

Ama, tre anni di psicodramma. Lo spettro del commissario

Quattro board in tre anni sono troppi. L'azienda rischia la paralisi della gestione operativa senza una plancia di comando. I sindacati in pressing per un commissario ma la Raggi insiste e sceglie Stefano Zaghis

Quattro board saltati in tre anni sono davvero troppi. Non c’è pace per l’Ama, la grande municipalizzata romana dedicata prevalentemente alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti. Con le dimissioni di ieri dell’intero cda, causa deterioramento della fiducia con l’azionista Campidoglio, per Ama si potrebbero aprire le porte del commissariamento. Questo almeno è quello che trapela da ambienti vicini alla muncipalizzata dei rifiuti.  Per i romani invece, si rischia l’ennesimo inferno dei rifiuti. Senza testa, rischia di saltare la gestione operativa dell’azienda, ovvero raccolta e smaltimento.

A metà 2016, quando la sindaca Raggi si insedia, a guidare l’Ama è Alessandro Solidoro, nominato dal prefetto Tronca, rimosso per fare posto ad Antonella Giglio. Alla fine del 2017 diventa presidente Lorenzo Bagnacani, che rimane in carica meno di un anno e mezzo. A giugno di quest’anno il nuovo cda presieduto da Luisa Melara, durato quindi poco più di 100 giorni, fino alle dimissioni in blocco annunciate oggi. Una crisi profonda che affonda le sue radici nella questione contabile. L’ultimo bilancio di Ama approvato, infatti, risale addirittura al 2016. Sul successivo è in corso una partita politico-giudiziaria, che negli ultimi mesi ha portato prima alle dimissioni del vecchio cda dell’azienda e poi all’apertura di un fascicolo di inchiesta da parte della Procura di Roma, fino alle dimissioni odierne. Colpa dei crediti che Ama vanta verso l’azionista ma che quest’ultimo non riconosce. Un contenzioso che al momento blocca il via libera anche del bilancio 2018. Il punto è però un altro. Non possono saltare 4 cda (sei vertici se si considera il duo presidente-dg) in così poco tempo. Ora forse saraà il turno dell’ennesimi manager, Stefano Zaghis. Ma quanto durerà?

Anche perché l’Ama ha circa 7.800 dipendenti, un debito stimato oltre 1 miliardo, ed ogni anno spende oltre un terzo del valore della produzione aziendale, in totale oltre 800 milioni di euro, per pagare stipendi. Una cifra, nel 2016 pari a 360 milioni di euro, superiore a quella utilizzata per finanziare il servizio erogato dall’azienda.  I sindacati che in Ama sono fortissimi, chiedono il commissariamento. E forse è il momento.

Stampa
Condividi
Pubblicato da Gianluca Zapponini

Articoli recenti

Covid: Lazio, oggi 2.260 casi e 69 morti

52 pazienti in terapia intensiva (3 più di ieri)

5 ore fa

Stadio Flaminio, sarà la Roma a salvare il simbolo di Roma 1960?

La Roma salverà lo stadio Flaminio? Forse. L'impianto progettato da Pier Luigi Nervi per le Olimpiadi del 1960 giace da…

5 ore fa

Roma: processo Raggi potrebbe andare a sentenza prima di Natale

La sindaca è imputata per falso documentale, in relazione alla nomina di Renato Marra a capo della direzione Turismo del…

6 ore fa

Adr: Fiumicino attiva corridoi ‘Covid tested’ su voli con Usa

A partire già dal mese di dicembre. Primo scalo in Europa

7 ore fa

Assalto a portavalori, ferita guardia giurata vicino a Roma

davanti ufficio postale. Rapinatori in fuga

7 ore fa

Galleria Borghese sempre più social, nuovi appuntamenti online

Su Instagram è oggi il terzo museo italiano più seguito

11 ore fa

Covid: Lazio, record guariti

Il rapporto scende al 7%. Assessore D'Amato, "no ad assembramenti per il Black Friday"

12 ore fa

Spostamenti, scuole, shopping: in arrivo le regole di Natale

Boccia convoca regioni e comuni. Fontana, più vicini ad allentamento misure

12 ore fa

Cinema Palazzo, in migliaia al corteo contro lo sgombero

Secondo gli attivisti la Regione Lazio aveva intrapreso un percorso per l'acquisizione della struttura come luogo di cultura e aggregazione

12 ore fa

Questo sito utilizza cookie.