Categorie: Economia urbana

Il progetto di pedonalizzazione di Via San Giovanni in Laterano

In attesa di sapere che ne pensano residenti e commercianti, l’idea è stata presentata in commissione mobilità

Prosegue il lavoro dell’amministrazione pentastellata per trovare nuovi spazi dedicati ai pedoni e alla ciclabilità di Roma. Sotto la regia di Enrico Stefàno, presidente della Commissione Trasporti e punto di riferimento dei grillini romani in tema di mobilità, ieri – proprio in commissione – è stato presentato un progetto ambizioso che riguarda il centro della Capitale. Siamo nei pressi del Colosseo; dal punto in cui parte la Gay Street romana, c’è un punto piuttosto trafficato che, negli anni, ha visto cambiare tante volte la propria accessibilità ai veicoli privati. È Via San Giovanni in Laterano, la strada stretta e in salita che collega l’Anfiteatro Flavio con San Giovanni, importante per la viabilità perché percorsa da alcune linee bus e perché scarica parte del traffico veicolare che passa per Via Labicana.

“Abbiamo analizzato i tre scenari pedonali realizzabili, quello da piazza del Colosseo fino a via Ostilia, quello fino a via dei Normanni e quello infine che raggiungerebbe piazza di San Clemente, verificando che al massimo potrebbero essere ‘persi’ una settantina di posti auto e una trentina di quelli moto – spiega Stefàno – in generale abbiamo riscontrato una buona condivisione di vedute su questo tema, che tra l’altro va a sistema con la pedonalità già esistente in via dei Fori Imperiali, largo Gaetana Agnesi e il prossimo intervento di isola ambientale a Monti, considerata anche l’ottima disponibilità su quella porzione di territorio di trasporto pubblico, tra mezzi di superficie e metropolitane. E ben si concilia con altri progetti che abbiamo in mente da tempo di allargamento dello spazio pedonale sia su via di San Gregorio che via Labicana”.

Ora sarà interessante vedere la reazione dei residenti e quella dei commercianti, solitamente restii a interventi che creino barriere tra la circolazione privata e il proprio esercizio commerciale.

“Pedonalizzare, inoltre, è il modo migliore per amplificare al massimo le potenzialità di un quartiere e contribuisce ad unire la Città e non a separare i residenti dal resto dei cittadini- conclude il consigliere – rendendo accessibili, fruibili, vivibili le strade. Dando la giusta importanza a chi oggi è costretto a camminare tra le lamiere in spazi limitati con scarsa sicurezza”.

Stampa
Condividi
Pubblicato da Giacomo Di Stefano

Articoli recenti

Settimana della Birra Artigianale 2020

La Settimana della Birra Artigianale giunge alla sua decima edizione. Dal 16 febbraio sono aperte le iscrizioni

2 giorni fa

“Nocciola Italia”, il progetto di Ferrero, rifiutato dalla Calabria

Un progetto grandioso per valorizzare la coltura della nocciola italiana è stato negato dalla Calabria. Un' iniziativa, persa, per sostenere…

1 giorno fa

Roma Centro: elezioni, Leo sfida Gualtieri

Ecco chi sono i protagonisti  delle suppletive per la Camera di domenica 1 marzo

2 giorni fa

Via Nazionale, una strada lunga due millenni

I romani la chiamavano vicus longus. Poi, nell'800, grazie alla vendita di terreni nacque l'odierna arteria

2 giorni fa

Illuminazione artistica per Santa Maria Maggiore

Ieri sera l’inaugurazione. Novanta proiettori a led svelano tutta la bellezza della facciata della basilica

2 giorni fa

Patrimonio Roma: scontro su regolamento centri sociali

associazioni chiedono a M5s ritiro delibera

2 giorni fa

Donna trovata morta in strada a Roma, indaga la polizia

su viale Jonio, in zona Montesacro

2 giorni fa

Droga: oltre 1 kg marijuana nella borsa, arrestato 21enne a Roma

I carabinieri ieri hanno notato il giovane nei pressi di una biglietteria e si sono insospettiti

2 giorni fa

Omicidio Vannini: Bonafede, azione disciplinare per pm

Al magistrato verrebbe contestato di aver svolto in maniera superficiale l'inchiesta sulla morte del ragazzo

2 giorni fa

Questo sito utilizza cookie.