torna su
25/09/2020
25/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il petrolio crolla. Ma la benzina calerà fino a un certo punto

I benzinai italiani sono in ginocchio, tra greggio sottozero e lockdown. Ma le accise terranno in vita il prezzo al litro

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2020-04-21 21/04/2020 ore 18:00

Sì, il petrolio è ai minimi della sua storia, mai visto il greggio andare a 37 dollari sotto lo zero. Succede ai tempi del coronavirus e il motivo è presto spiegato: c’è troppa offerta a fronte di una domanda pressoché inesistente. Per questo il timore del mercato è che il petrolio estratto ma non venduto si deprezzi fino a non velare più un dollaro. E allora scatta il panico.

Ne sanno qualcosa i benzinai italiani, che non solo debbono frontegiare l’inevitabile impatto del crollo del greggio sui prezzi alla pompa, ma anche i devastanti effetti del lockdown, ovvero quasi totale assenza di circolazione di veicoli. Tradotto, 1,95 miliardi di litri di carburante svaniti, 2,9 miliardi di euro di fatturato complessivo andati in fumo, 60 milioni di reddito lordo evaporati. Di più. Il reddito medio per punto vendita nell’ultimo mese si attesta intorno ai 300 euro, nemmeno sufficienti ad onorare le utenze.

In Toscana, a causa del lockdown, a marzo i punti vendita di carburanti in Toscana hanno perso il 90% dei ricavi e i benzinai avuto un incasso medio di circa 10 euro al giorno. Attenzione però, occhio ai miraggi. La benzina non calerà più di tanto, per un motivo molto semplice. Il 61% del prezzo di un litro di benzina, è in accise. Questo vuol dire che il grosso del ricavo su un singolo litro va allo Stato. E questo sostiene il prezzo, perché se cala solo una quota residuale del prezzo, vuol dire che l’impatto del crollo del petrolio sul costo finale è limitato.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014