torna su
29/09/2020
29/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Alitalia, ecco il costo del salvataggio

Flotta ridotta e 2 mila esuberi per il rilancio della compagnia. Che sarà controllata al 100% dallo Stato

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2020-04-24 24/04/2020 ore 10:54

Di carburante finanziario in cassa non ce n’è praticamente più. Esauriti o quasi i 400 milioni stanziati, il governo prova a rilanciare per dare ad Alitalia una via d’uscita. L’obiettivo è trasformare la crisi globale legata all’emergenza coronavirus in una opportunità, sfruttando da un lato il maxi fondo pubblico per la statalizzazione delle aziende in crisi, dall’altro gli aiuti europei riservati alle compagnie. Il rilancio, scrive il Messaggero, costerà duemila esuberi e il taglio di 11 aerei.

Esauriti o quasi i 400 milioni stanziati, il governo prova a rilanciare per dare ad Alitalia una via d’uscita. L’obiettivo è trasformare la crisi globale legata all’emergenza coronavirus in una opportunità, sfruttando da un lato il maxi fondo pubblico per la statalizzazione delle aziende in crisi, dall’altro gli aiuti europei riservati alle compagnie. Per questo il ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli si dice sicuro che entro giugno arriverà la newco, o meglio inizierà il complesso passaggio dei rami aziendali dalla vecchia alla nuova compagnia tricolore. Alitalia, anche se il ministro non lo dice, resteranno gli esuberi, circa 2 mila, che verranno gestiti attraverso gli ammortizzatori sociali, Cig e prepensionamenti. Nell’altra società, che punterà sul lungo raggio, finiranno invece 90 aerei, gli slot e tutti gli asset industriali considerati funzionali alla ripartenza.

Non è chiaro se la newco entrerà nell’orbita Invitalia o sotto una diversa scatola pubblica, di certo lo scopo del governo è quello di investire massicciamente nel vettore. Del resto ha già speso circa 1,5 miliardi tra prestiti-ponte e linee di credito rinnovate. Portando così i costi totali dei salvataggi che si sono succeduti a quota 10,5 miliardi. Senza contare la Cig in deroga attivata e anticipata dalla compagnia in attesa del ristoro dall’Inps.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014