torna su
06/06/2020
06/06/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Per Atac una Fase 2 che può essere un incubo

All’azienda servono 200 milioni, causa lockdown. Ma ora i bus viaggeranno mezzi vuoti, con ricadute sugli introiti

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2020-05-4 4/05/2020 ore 18:00

Fine del lockdown, evviva. Anche no, almeno per Atac. La municipalizzata dei trasporti, perennemente in bilico tra rinascita e fallimento, rischia di pagare caro il cosiddetto ritorno alla normalità. La premessa: il crollo del trasporto pubblico, causa coronavirus, rischia di mandare a gambe all’aria il concordato dentro cui Atac si trova. Tanto che, secondo i calcoli degli esperti della municipalizzata, servirebbero subito in cassa non meno di 200 milioni.

Va bene, ma ora? Ora il problema è che nei bus bisognerà mantenere una distanza sociale di un metro. Dunque meno persone a bordo, meno ticket pagati e forse anche meno voglia di prendere i mezzi. L’eredità psicologica del coronavirus è d’altronde ancora forte.

Di più. Con le attuali indicazioni sul distanziamento di un metro, la flotta Atac che riprenderà il servizio con orari normali, sarà costretta a viaggiare praticamente vuota. Perché nei bus da 12 metri, ci sono circa 100 posti, fra la ventina a sedere e quelli in piedi. Ma, ad accoccolarsi sui comodissimi sedili potranno starci solo otto persone. E non molti di più quelli che potranno stare in piedi. Su 100 passeggeri teorici, se va bene, potranno entrarci una ventina di persone. Se va bene.

In quelli da otto metri, i numeri sono ancora più irrilevanti: resteranno 4 posti a sedere e meno di una decina in piedi. Infine, i jumbo bus, quelli da 18 metri snodabili: a sedere potranno starci fra le 12 e le 15 persone e un’altra ventina in piedi. Insomma, bene ma non benissimo.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014