torna su
20/09/2020
20/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Le Camere di Commercio Italiane all’estero

Le imprese italiane sono rappresentate e sostenute al meglio nel loro export dalle Camere di Commercio dedicate all’estero soprattutto nella fase post Covid

Silvia Trevisan
di Silvia Trevisan | 2020-06-27 27/06/2020 ore 15:00

 

Le Camere di Commercio all’estero nella fase di rilancio del Made in Italy, nella fase cruciale del Post Covid sono un fondamentale supporto per le imprese Italiane, duramente colpite dalle conseguenze della lunga Pandemia.

Avamposti nel mondo per favorire l’export e le relazioni commerciali delle nostre aziende, le Camere di commercio Italiane all’estero fanno parte del grande sistema camerale.

Riconosciute dal Ministero degli affari esteri sono strutture private. Lo staff è costituito da un Presidente un Segretario Generale e da un board con varie funzioni dal legale al supporto comunicazione e progetti.

La loro forza è la conoscenza del mercato italiano, delle caratteristiche delle aziende italiane e contemporaneamente del mercato in cui si trova nel mondo, la sede camerale in cui vivono e lavorano gli staff.

L’ approfondita conoscenza di entrambi i mercati di riferimento, permette di orientare le aziende nazionali ad affrontare il mercato individuato, diminuendo il rischio d’impresa, mettendo a punto le strategie migliori in base alla caratteristica dell’azienda e del prodotto italiano in relazione alla struttura di distribuzione del paese e delle richieste del mercato estero.

Le Camere di Commercio Italiane all’estero collaborano con Unioncamere, la Farnesina e l’ICE al progetto SEI – sostegno all’export dell’Italia, che prevede attività di formazione, orientamento e di ingresso nei mercati per le imprese che vogliono fare export o anche avere un’unità locale all’estero.

In Italia Assocamerestero è l´associazione delle Camere di Commercio Italiane all´Estero (CCIE) e di Unioncamere che valorizza le attività delle Camere, con la mission di creare rete, tra le CCIE presso le istituzioni italiane ed internazionali e presso le organizzazioni imprenditoriali e i media italiani.

Le Camere di Commercio Italiane all’estero alimentano con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ICE AGENZIA, gli Uffici ENIT, la Piattaforma informativa Infomercatiesteri con focus su 127 paesi nel mondo. Le informazioni riguardano il quadro economico e politico del paese di interesse, sulle opportunità di mercato e le possibilità di partnership con aziende locali e/o italiane, iniziative promozionali, ostacoli agli scambi, criticità negli investimenti e possibili rischi, accesso al credito, quadro delle presenze italiane e dei rapporti bilaterali. http://www.infomercatiesteri.it/

Extender invece è un Sistema informativo gratuito che consente di monitorare il mercato delle gare internazionali e ottenere le informazioni sui bandi pubblicati e sui progetti in fase di sviluppo. Ci si può rivolgere dunque alle Camere di Commercio Italiane all’estero per poter cogliere le opportunità che i paesi esteri mettono a disposizione per il business https://extender.esteri.it/sito/

Un altro progetto molto importante per il Made in Italy e che vede attori fondamentali le CCIE, è Il progetto True Italian Taste, realizzato da Assocamerestero nell’ambito della Campagna “The Extraordinary Italian Taste”, promossa e finanziata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI). per valorizzare e salvaguardare il prodotto agroalimentare autentico italiano.

Le Camere di Commerci Italiane all’Estero sono dunque un partner importante per l’export nazionale, per la difesa del Made in Italy e il contrasto all’Italian sounding.*

 

*Italian sounding = la contraffazione di un prodotto e di un marchio italiano di grande richiamo magari con una piccola storpiatura del nome o del packaging (vedi Parmesan ecc) ndr

Stampa

A proposito dell'autore

Silvia Trevisan
17 articoli

Laureata in relazione pubbliche all'università di Udine, tra i cinque finalisti al Premio nazionale Innovatori della PA, redattrice della prima carta dei valori di un portale web di informazione socio – economica. Esperienza decennale nella comunicazione d’impresa manifatturiera, poi nel digitale nel 1999 con un percorso formativo importante, lavora nel marketing della Internet company con sedi a Firenze, Milano, Treviso. Dal 2002 scrive per i social network, è ghost writer, redige comunicati stampa. Dalla comunicazione del settore privato alla comunicazione della pubblica amministrazione, scrive in “plane language”, con il sogno che i due mondi si incontrino e si parlino nel digitale con gli stessi codici per il rilancio dell’Italia. Motto: La preparazione aiuta l’improvvisazione.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014