torna su
14/04/2021
14/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Agli aeroporti italiani serve un miliardo di euro

Senza traffico, avverte Assaeroporti, il destino è segnato. E scatta la richiesta di fondi immediati al governo

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2020-11-10 10/11/2020 ore 18:00

L'aeroporto Fiumicino

Agli aeroporti italiani resta poco da vivere. “Senza un fondo di compensazione, come quello adottato dalla Germania, gli aeroporti hanno un’autonomia molto limitata: reggiamo solo fino alla fine dell’anno”, ha affermato Fabrizio Palenzona, presidente di Assaeroporti, in un’intervista a Repubblica. La situazione è seria e non è un caso se agli scali italiani e ai loro gestori serva un miliardo di euro.

“Se non si agisce prontamente si rischia di minare un asset strategico per il Paese”, afferma Palenzona, che chiede di intervenire senza i pregiudizi che la parola concessionari suscita in molte persone. “La parola “concessionario oggi è criminalizzata dopo la tragedia di Genova – spiega il presidente di Assaeroporti – Quello delle concessioni è un sistema che esiste in tutto il mondo e in numerosissimi settori. E come in ogni situazione, ci sono concessionari buoni e altri meno buoni. Ma il sistema resta efficiente e per quel che riguarda il mondo aeroportuale il sistema funziona bene. I gestori si sono adeguati”.

Secondo un’indagine di Assaeroporti diffusa ad ottobre, nel periodo marzo-settembre 2020, il sistema aeroportuale nazionale ha perso l’83% dei passeggeri, il 68% dei movimenti aerei e il 33% delle merci. A fronte di questi dati, l’associazione stima che l’anno potrebbe chiudersi con 58 milioni di passeggeri, il 70% in meno rispetto ai 193 milioni registrati nel 2019 e con una contrazione del fatturato per i gestori aeroportuali pari a 2 miliardi di euro.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014