torna su
29/09/2020
29/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ostia, condannati lavorano su verde e decoro

Convenzione Campidoglio-UEPE per misura alternativa al carcere

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 2/07/2015 ore 8:28
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:48)

D’ora in poi 14 persone – 12 uomini e 2 donne – si occuperanno della cura del verde e del decoro del Municipio X. Una nuova forza lavoro molto particolare che svolge la propria attività come misura alternativa al carcere, grazie a una convenzione tra Municipio e Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna (UEPE) di Roma e Latina. 
Un programma di reinserimento nella società, unico in Italia, che parte da un territorio difficile e vuole offrire un segnale di positività a tutta Roma. La convenzione è stata siglata questa mattina a Ostia, nella sede del Municipio X dall’assessore alla legalità di Roma Capitale, Alfonso Sabella, e dal direttore dell’UEPE Emilia Turiano. L’accordo, che prevede l’iniziale impiego di 14 persone, è un progetto pilota che potrà però allargarsi, sia in numero di partecipanti che in altre città. “Un’iniziativa davvero importante – ha detto Sabella –, un’azione per riavvicinare queste persone alla società e al mondo del lavoro. Se questo esperimento funzionerà, come auspichiamo, si potrà replicare durante il Giubileo della Misericordia. Questo territorio ha bisogno di lavori di pulizia e decoro e sono sicuro che riusciremo a ottenere buoni risultati. I lavoratori sono stati valutati attentamente e hanno tutti i requisiti per affrontare questa nuova esperienza”. Le persone scelte lavoreranno d’estate e saranno pagati con voucher, in base alle ore effettivamente svolte. (gc)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23758 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014