torna su
18/01/2021
18/01/2021

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Coltivare cannabis per uso terapeutico non è reato

Approvato dal Consiglio dei Ministri il pacchetto di depenalizzazioni

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 15/01/2016 ore 14:22
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:10)

Approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il pacchetto di depenalizzazioni che riguarda tra l’altro la guida senza patente e le violazioni delle regole da parte dei soggetti autorizzati alla coltivazione della cannabis per uso terapeutico. Il provvedimento trasforma decine di reati, puniti solo con multa o ammenda e cioè senza reclusione, in illeciti amministrativi con sanzione pecuniaria immediatamente eseguibile. Nei casi in cui vengano contestate aggravanti, resta il profilo penale.

Chi sarà trovato, la prima volta, alla guida senza patente o con patente non in regola eviterà il processo penale e pagherà una sanzione più salata. Scatterà comunque la confisca del veicolo e in caso di recidiva resta la sanzione penale. Passa da reato a illecito amministrativo anche la violazione delle prescrizioni sulla coltivazione della cannabis, ma solo per i soggetti autorizzati a farlo a fini terapeutici: non rischia infatti più ricadute penali chi, autorizzato alla coltivazione per fini terapeutici o di ricerca, viola le prescrizioni. Fuori da questa cornice, coltivare cannabis resta reato.

Non rientra nel testo la depenalizzazione dell’immigrazione clandestina: sarà trattata in un testo ad hoc. (gc)

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24632 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014