torna su
15/08/2020
15/08/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Roma ha troppi dipendenti comunali. Lo dice il Codacons

24 mila dipendenti tra dirigenti, funzionari e impiegati

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 4/03/2016 ore 16:56
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:16)

“Roma ha troppi dipendenti comunali e troppi sono i lavoratori male utilizzati. La denuncia arriva oggi dal Codacons, che propone una sorta di ‘bad company’ dei dipendenti pubblici di Roma Capitale.

Nei giorni scorsi il Commissario Tronca ha parlato di carenza di organico ‘esplosiva’.

Niente di più falso i dipendenti ci sono e in rapporto agli abitanti sono molti di più rispetto ad altre città; il problema, semmai, è che sono utilizzati malissimo.

La capitale conta infatti 24mila comunali tra dirigenti, funzionari e impiegati: solo con riferimento alla Polizia Municipale, si conta a Roma un vigile ogni su 481 abitanti, a Milano uno ogni 420. Molti di questi, però, lavorano negli uffici del Comune, e se venissero piazzati in strada probabilmente si risolverebbero i problemi cronici del traffico capitolino”. Lo dichiara, in una nota, il presidente del Codacons Carlo Rienzi, candidato a sindaco di Roma.

Per tale motivo Rienzi, propone una “bad company dei dipendenti comunali: quelli che realmente servono rimarranno negli uffici del Comune, gli altri dovranno essere ricollocati laddove necessario, ad esempio all’Atac o all’Ama, allo scopo di migliorare il servizio offerto ai cittadini senza conseguenze sul fronte dell’occupazione, rafforzare i municipi e incrementare l’attività dei carrozzoni pubblici come le aziende partecipate”.

C.T. (Fonte Omniroma)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23449 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014