torna su
24/11/2020
24/11/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Le attività irregolari degli autolavaggio

Ogni giorno ne spunta uno nuovo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 11/04/2016 ore 14:24
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:21)

“Aprono e chiudono a loro piacimento e cambiano gestione, indirizzo e titolare. Le attività irregolari di autolavaggio, in barba alle normative vigenti in materia fiscale, di sicurezza e ambientale, hanno trovato a Roma e provincia terreno fertile. Gli autolavaggi irregolari stanno letteralmente spopolando nei nostri quartieri complice i prezzi bassi che fanno pur sempre gola ai consumatori. Ma queste attività abusive, oltre a lucrare alle spalle di chi fa il suo mestiere con enorme sacrificio e rispettando le regole, per di più inquinano le falde acquifere e attentano alla salute dei cittadini”. E’ quanto dichiarano in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e Francesco Figliomeni, esponenti di Fratelli d’Italia- Alleanza Nazionale “che rendono pubblica una denuncia inviata da parte del sindacato di categoria che tutela il settore regolare degli autolavaggi”. 



“E’ ormai consuetudine che gli autolavaggi abusivi vengano aperti in spazi insufficienti, in locali chiusi, dove non vengono installati i sistemi di depurazione delle acque derivanti dai lavaggi dei veicoli, pertanto lo smaltimento delle acque reflue sembrerebbe non a norma. Il mancato rispetto della legge crea inquinamento costante ed incontrollato dell’ambiente. In più, questo tipo di autolavaggi con locali all’interno usano acqua potabile contravvenendo alle disposizioni comunali. Solo nel Municipio V dove abbiamo chiesto riscontro alle istituzioni, – concludono Santori e Figliomeni – sono risultati non autorizzate ben 9 attività di autolavaggio. Stiamo aspettando di conoscere gli esiti dei controlli che ora spettano all’Arpa congiuntamente ai Corpi di Polizia Locale e che sollecitiamo considerato il rischio inquinamento che deriva dalla mancata osservanza delle norme.

Basta soprusi nei confronti dell’ambiente, ne va della salute pubblica. E’ ora di ridare legalità ad un settore dove chi lavora rispettando le regole boccheggia”. (Fonte Omniroma)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24215 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014