torna su
31/10/2020
31/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Per l’Istat Roma è una “città dai confini incerti”

L’Istituto presenta il suo rapporto annuale e “bacchetta” l’urbanistica romana

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 21/05/2016 ore 12:25
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:24)

All’Istat Roma proprio non piace. Secondo l’istituto di statistica, la Capitale è una metropoli “dove l’espansione ha avuto luogo negli anni ’50, ’60 e ’70 lungo le arterie principali inglobando borgate, borghi e borghetti. Dagli anni ’80, la Capitale ha iniziato a conurbarsi con i piccoli comuni limitrofi, urbanizzando la campagna, debordando oltre il Grande raccordo anulare”. Ed è così che ha perso i suoi confini e la sua identità.

Ora, alla vigilia di un voto che si preannuncia più incerto del solito, il tema relativo all’urbanistico rimane confinato in secondo piano, mentre si continua a battibeccare su nomine, trasporti, municipalizzate e strade disastrate. Non c’è nessuno dei candidati che abbia aperto la discussione sul tema dell’edilizia, della riqualificazione, del decoro e soprattutto delle zone che necessiterebbero di una proverbiale mano di bianco. Così tutti e cinque i candidati si sono concentrati sulle periferie, con slogan che hanno mischiato il tema della sicurezza a quello della riqualificazione urbana. Eppure, nessuno di loro è sembrato convincente.
 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24021 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014