torna su
20/10/2020
20/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il degrado di Villa Pamphili: emergenza nei parchi di Roma

Sicurezza e degrado nel cuore verde della Capitale

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 1/07/2016 ore 10:51
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:28)

Cani che aggrediscono la fauna, depositi sotterranei con quintali di batterie e aree con giochi per bambini sommerse da rifiuti e degrado. Il 2016 è stato un annus horribilis per il verde di Roma e per i suoi parchi pubblici. Uno stato di degrado avanzato che va dalla gestione del verde pubblico alla sicurezza nelle aree dedicate agli animali e ai ragazzi. Per trovare situazioni critiche non serve andare in periferia ma basta fare capolino in due aree verdi del centro città: Villa Pamphili e Colle Oppio. Da tempo la villa di Monteverde è flagellata da prostituzione, bivacchi che sporcano il parco e da controlli poco incisivi. “Serve una presenza ragionata sul territorio – racconta a Radiocolonna Paolo Arca, presidente dell’Associazione per Villa Pamphili – è opportuno che la gestione del verde e della sicurezza cambi rotta”. Sul primo punto i problemi legati al Servizio Giardini nascono all’epoca di Rutelli quando molti giardinieri sono diventati impiegati amministrativi. Oggi a Villa Pamphili ci sono solo undici persone che si occupano della pulizia e dei circa trecento cestini presenti nei 180 ettari di parco. Una presenza che non riesce ad assorbire tutti i rifiuti lasciati dai frequentatori del parco e dalle comunità di stranieri – peruviani in primis – che affollano il parco con barbecue, generatori di corrente, cibo e alcol sino a tarda notte. Sul fronte sicurezza il XII Gruppo Monteverde dei Vigili Urbani sostiene che c’è una carenza di personale aggravata dall’esigenza prefettizia – gestione Gabrielli – di dirottare i vigili al Municipio I per l’Anno Santo. Secondo Arca è opportuno che la presenza di tutte le forze dell’ordine sia più incisiva e coordinata, dall’unità cinofila alle unità a cavallo della Polizia di Stato.

 

A Colle Oppio lo stato di degrado colpisce soprattutto chi – come le famiglie dell’Esquilino – cercano nel parco che sovrasta il Colosseo momenti di svago e di relax. “Con l’arrivo del caldo e le scuole chiuse noi genitori cerchiamo spazi dove far passare qualche ora di gioco ai nostri bambini – spiega a Radiocolonna Silvia Iorio del Comitato Mamme Colle Oppio – con l’arrivo del caldo torrido le città si svuoteranno ma chi non potrà partire ha il diritto di trascorrere ore serene nelle aree verdi della città”.

 

Ma quali sono gli strumenti che la nuova amministrazione dovrà mettere in campo per ridare lustro a realtà – come le ville storiche di Roma – che rappresentano gran parte del verde cittadino?

 

UN POSTO FISSO DI RIFERIMENTO

Nelle situazioni più a rischio è necessario un punto riferimento fisico per i cittadini che possa raccogliere le segnalazioni, coordinare chi gestisce il verde e la sicurezza e dissuadere eventuali reati.

 

COORDINAMENTO TRA LE FORZE DELL’ORDINE

Inutile la presenza di tre auto che contemporaneamente sono preposte a controllare la stessa area. Importante diversificare il tipo di controllo – sarebbe decisivo l’apporto di agenti in borghese – e implementate la comunicazione tra chi controlla la pubblica sicurezza nei parchi.

 

VIA I CESTINI NEI PARCHI

I cestini spesso non sono in grado di ‘accogliere’ tutta la spazzatura prodotta in un parco. E’ necessario togliere i cestini e mettere i cassonetti della differenziata al di fuori delle ville.

 

TELECAMERE

Un sistema efficace di videosorveglianza può essere un deterrente per eventuali crimini e contribuire all’accertamento di responsabilità. Emblematico l’esempio di Villa Pamphili dove la Soprintendenza ha acquistato 35mila euro di telecamere che oggi non sono funzionanti.

 

 

Abbiamo contattato il Corpo dei Vigili urbani e la Prefettura di Roma per chiedere se esistesse un piano operativo per garantire un controllo rafforzato nei parchi di Roma durante l’estate ma senza ricevere risposta. (Giacomo Di Stefano)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23918 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014