torna su
21/10/2020
21/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Marta Marzotto com’era: piccoli ricordi personali

Una grande donna che mancherà a tutti

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 29/07/2016 ore 10:03
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:31)

Marta Marzotto con Enrico Todi

E’ stata così tanto presente nelle cronache italiane (e non solo) che MARTA MARZOTTO l’abbiamo “conosciuta” tutti.

Generosa nel mostrarsi e nel vivere esplicitamente la propria vita non ha mai glissato nè sulle sue umili origini, nè sugli amori, nè sulle simpatie/antipatie, nè sulle rughe. Solo la malattia e il ricovero sono passati sotto silenzio.

 

Più milanese lei di tanti “veri” milanesi non ha mai mancato di illuminare e sostenere la Città. Tutte le altre vippesse meneghine sono venute su alla sua scuola ma, nessuna potrà mai raggiungerla!

Piccolo ricordo personale: ad una prima della Scala (forse un Guglielmo Tell) lei con un abito così ricco di crinoline da creare un attimo di stupore su quel red carpet  serioso/cultural/mondano.

 

E poi più romana di tanti veri romani. Tanto da scegliere la Capitale per festeggiare in modo grandioso i suoi spettacolari 80 anni. (nella foto Marta Marzotto con Enrico Todi gallerista romano)

 

E sempre andando con i piccoli momenti personali ricordo i nostri incontri dall’amico e “parrucchiere” comune Alberto Corda. Lei con i capelli lunghi tutti onde e morbidezze, io con 1 taglio cortissimo. Lei che entra e che stravolge il piccolo atelier (e il centro) come un uragano. Lei con dei bijoux (sue creazioni) immaginosi e imponenti che se dicevi “è bellissimo, quanto mi piace” te lo regalava. Lei capace di mettere insieme persone e luoghi diversi come se vedesse al di là di convenzioni e apparenze. Donna che aveva avuto tantissimo e che tantissimo ha dato.

 

Proprio ora Ilaria Grillini (giornalista e cara amica) mi manda queste righe. Ilaria che la conosceva proprio bene sceglie queste parole che mi sembrano giuste per ricordare Marta Marzotto:

Intelligente, vulcanica, gentile, libera, spiritossissima, pratica, scicchissima, Marta era questo e molto molto altro ancora. Definirla in poche parole è impossibile perchè era una donna speciale, unica. Una donna che brillava di una luce particolare. E lei lo sapeva e rideva di questo. Negli anni ho lavorato spesso con lei. Era sempre disponibile e piena di entusiasmo e mai, mai banale…” (anna ricca)

 

ps= volutamente abbiamo lasciato da parte le ovvietà della biografia di Marta Marzotto… 

 

 

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23939 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014