torna su
22/10/2020
22/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Qual è la spiaggia e il mare peggiore del Lazio?

Rapporto di Legambiente e ARPA Lazio: depurazione inefficace, allarme rifiuti

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 30/07/2016 ore 13:26
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:31)

Ardea e Fiumicino sono rispettivamente il peggior mare e la peggiore spiaggia del Lazio. E’ quanto emerge dal confronto di due rapporti che hanno raccontato lo stato critico delle acque e degli arenili regionali.

 

Rapporto di Legambiente sulle spiagge del Lazio

 

Un’analisi impietosa che punta l’indice contro i sistemi di depurazione di fiumi e canali e ribadisce l’esigenza di mettere la qualità dei territori prima di qualsiasi dinamica economica “perché ciò che non viene fermato dai depuratori – e che prima ancora viene gettato colpevolmente nei water con una malsana abitudine – diventa mortale per le spiagge stesse” spiega Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio.

A Maggio il dossier Beach Litter di Legambiente ha monitorato 47 spiagge italiane di cui 5 nel Lazio: Coccia di Morto a Fiumicino (RM), due porzioni del Lido Marechiaro ad Anzio (RM), Capocotta a Roma e la spiaggia di Levante a Terracina (LT). Nei circa 7600 mq analizzati – pari a 60 campi da beach volley – sono stati rinvenuti 7068 rifiuti spiaggiati, il 21% di tutti quelli monitorati a livello nazionale. Sull’area indagata sono stati trovati una media di 1413 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia, un dato che raddoppia quello nazionale che ha una media di 714 rifiuti ogni 100 metri.

I dati assumono proporzioni drammatiche a Coccia di Morto, Fiumicino, la spiaggia che registra il più alto numero di rifiuti a livello nazionale: oltre 5500 rifiuti in 100 metri. Tra questi ben 3716 cotton fioc, l’83% di tutti quelli trovati sulle aree balneari italiane, “un disastro imputabile al 70% alla cattiva depurazione che permette ai corsi d’acqua di trasportare sulle spiagge gli scarichi delle nostre case”.

 

Rapporto dell’ARPA Lazio sul mare del Lazio

 

Per il secondo anno consecutivo il mare di Ardea è il peggiore del Lazio. Il risultato è il frutto dello screening condotto prima dell’inizio della stagione dall’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Regione Lazio sulle 224 aree regionali destinate alla balneazione. Sebbene la situazione possa cambiare durante la stagione in base all’afflusso di turisti e bagnanti, il problema principale e sempre lo stesso: la presenza in acqua di rifiuti galleggianti.

 

Sul sito dell’ARPA è possibile controllare i dati aggiornati mensilmente sui mari e i laghi del Lazio. (Giacomo Di Stefano)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23945 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014