torna su
20/10/2020
20/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ama, Alessandro Solidoro amministratore unico

L’assessore Minenna ha scelto un “milanese” al posto di Fortini

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 4/08/2016 ore 10:21
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:32)

Il nome l’ha fatto l’assessore Minenna: Alessandro Solidoro è l’amministratore unico in pectore di Ama. Classe 1961, attualmente presidente dell’ordine dei commercialisti di Milano, il manager dovrebbe essere nominato nella prima riunione del consiglio di amministrazione. Solidoro non è un tecnico dei rifiuti, non è un uomo esperto di differenziata e smistamento. No, Solidoro è un uomo di crisi aziendali, come si legge nel suo curriculum in cui dichiara di avere esperienza “nella gestione della crisi d’impresa, della consulenza tecnica in ambito contenzioso e nella governance e controllo delle imprese di medie e grandi dimensioni”.

 

Ed effettivamente i rifiuti necessitano di una strategia d’urgenza per impedire che si trasformino in catastrofe. Daniele Fortini, che può ormai essere considerato un “ex”, anche se formalmente rimane amministratore unico, ha dichiarato in commissione Ecomafie che “a settembre il comune dovrà indicare una discarica di stoccaggio dei rifiuti, per rispondere alla visita che gli ispettori dell’Unione europea faranno ad ottobre”. Una questione di proporzioni gigantesche, se si pensa alle polemiche relative alla gestione di Malagrotta e alla ventilata – ma sempre smentita – ipotesi di una sua riapertura.

 

Il problema però rimane, soprattutto perché a Roma si è deciso di chiudere la discarica senza prima avere una valida alternativa. Ora, l’ultima voce è che si potrebbe tornare al sito di Monti dell’Ortaccio, luogo che era già stato scartato in precedenza perché troppo vicino a Malagrotta e perché di proprietà di Manlio Cerroni, a capo del consorzio Colari e proprietario della stessa Malagrotta.

 

Che la situazione dei rifiuti sia giunta a un punto critico appare evidente anche dalla riunione informale avvenuta ieri sera a casa dell’onorevole Alessandro Di Battista, in cui Virginia Raggi, presente insieme al fedelissimo Daniele Frongia, sarebbe stata accusata di aver gestito male la situazione di Ama. In particolare per lo scontro Muraro-Fortini che, secondo il direttorio, si sarebbe dovuto risolvere prima con la rimozione dell’amministratore delegato. Ma, c’è da scommetterci, un po’ di nervosismo inizierà anche a trapelare per quanto riguarda la nomina di Paola Muraro ad assessore all’ambiente nonostante i legami con Ama dal punto di vista professionale. (Marco Scotti)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23918 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014