torna su
20/10/2020
20/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ama, Stefano Bina nuovo direttore generale

Affiancherà Solidoro nella gestione dell'emergenza rifiuti

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 18/08/2016 ore 10:52
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:33)

L’Ama è sempre più lombarda. Dopo l’arrivo del milanese Alessandro Solidoro alla guida della municipalizzata dei rifiuti, adesso è la volta di un altro lombardo doc. Sarà infatti Stefano Bina, dal 2011 dg della municipalizzata di Voghera, provincia di Pavia, il prossimo direttore generale di Ama, chiamato ad affiancare Solidoro nella difficile gestione dell’emergenza rifiuti. Bina, 53 anni, è nato a Voghera, ed è ingegnere e resterà in carica tre mesi, giusto il tempo di provare a rimettere in sesto l’azienda in attesa che dal Campidoglio arrivino scelte industriali forti. Dunque, la giunta in programma questo pomeriggio per le 17.00 sarà solo una formalità,visto che il nome già c’è.

Il probelma è capire se Bina sarà in grado di affrontare un’emergenza rifiuti come quella di Roma, ben lontana dai piccoli volumi di Voghera. Ancora una volta ci sarebbe stato lo zampino di Marcello Minenna, l’assessore alle partecipare già sponsor di Solidoro. Bina sarebbe stato caldeggiato proprio dallo stesso Minenna, da anni fortemenete radicato a Milano. Il tempo però stringe e Bina deve fare in fretta. Mentre a settembre si attendono gli sviluppi sulle inchieste giudiziarie che hanno sfiorato Paola Muraro, ieri l’assessore ha fatto diffondere i dati sulla raccolta in agosto: ormai i Tmb di Rocca Cencia e Salario, come sempre avviene in questo mese, sono stati svuotati. Ma è anche vero che la città è mezza vuota. (G.Z.)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23929 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014