torna su
28/10/2020
28/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Via Cupa, scintille tra il municipio e l'assessore Baldassarre

Consiglio straordinario dopo lo sgombero dei migranti

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 11/10/2016 ore 17:05
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:39)

“Si auspicava che un intervento politico potesse portare un ragionamento più sistemico. Il problema è che le risposte non sono arrivate”. Così è intervenuta la presidente del municipio II Francesca Del Bello (Pd) in Aula Giulio Cesare durante il consiglio straordinario su via Cupa, dopo lo sgombero dei migranti davanti il centro sociale Baobab. Ora i  migranti sono accampati o davanti la basilica di San Lorenzo o vicino la stazione Tiburtina.

 

C’è un stato intervento di sgombero non condiviso con il municipio, con i volontari e credo nemmeno dei comitati. Questa non è concertazione, questo non è risolvere il problema dell’accoglienza. Il municipi dopo il 30 settembre si è trovato a dover gestire in solitudine una situazione del tutto emergenziale. Oggi lo sa dove sono (i migranti che vivevano in via Cupa, ndr)? Nella basilica di San Lorenzo fuori le mura, nel giardino. Io vorrei sapere oggi quali sono le soluzioni individuate. Mi auguro che ci sia più concretezza nell’affrontare questo tema e che ci siano delle risposte reali”, ha poi aggiunto la Del Bello. 

 

La sindaca Virginia Raggi non ha fatto previsioni per la soluzione del problema e ha detto: “E’ giusto chiedere risposte ma è sbagliato chiedere tempi certi per la risoluzione di problematiche che vanno da anni e che non appartengono all’ente locale e richiedono la collaborazione di altre istituzioni in modo congiunto”.

 

L’assessore capitolino alle Politiche Sociali, Laura Baldassarre, ha aggiunto che “ci siamo incontrati con il Municipio e i volontari e abbiamo creato da subito un tavolo con cui abbiamo cercato di ipotizzare la risposta strutturata. Il tavolo ha chiuso i lavori il 12 settembre e ora siamo nella fase operativa. Stiamo lavorando sulla base del piano di accoglienza di Milano. Uno degli aspetti è la creazione di una rete decentrata su tutto il territorio. Questo è il modello che Milano sta attuando: dobbiamo evitare le concentrazioni sul territorio”.

 

Mentre in aula si discuteva, davanti al Campidoglio si svolgeva la protesta dei volontari che in questi mesi hanno assistito i migranti del Baobab e che hanno contestato le modalità dello sgombero, senza alcun preavviso.

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24000 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014