torna su
22/10/2020
22/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Metrebus: Civita, da biglietto integrato non si torna indietro

Parla l'assessore alla mobilità della Regione Lazio

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 18/11/2016 ore 9:53
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:44)

Ancora pochi giorni e la Regione Lazio alzerà il velo sul progetto che mira a salvare il sistema Metrebus, dopo le dure accuse di Ferrovie ad Atac, rea secondo le Fs di non pagare il dovuto alla controllata Trenitalia, destinataria insieme a Cotral e alla stessa municipalizzata dei proventi frutto del biglietto integrato. “Al massimo entro la prima metà di dicembre ilustreremo la nostra proposta”, spiega a Radiocolonna.it Michele Civita, assessore alla Mobilità della Regione e regista dell’operazione Metrebus. 

 

 

“Una cosa deve essere chiara: dal biglietto integrato non si torna indietro. Il Lazio ha il più grande sistema Metrebus d’Italia e noi vogliamo salvarlo e per questo abbiamo portato avanti in questi giorni una discussione comune con tutti gli operatori interessati: Roma servizi, la nostra agenzia per la mobilità (Astral) Atac e Trenitalia. Vogliamo e dobbiamo arrivare a una soluzione condivisa”, spiega l’assessore. Che non manca di indicare i contorni del progetto. “L’idea di fondo è quella di portare la gestione del sistema integrato sotto il cappello delle due agenzie per la mobilità, quella in seno al Comune e quella nostra, l’Astral, ovviamente coinvolgendo tutti gli attori, Trenitalia e Atac in primis”.

 

 

Civita ammette poi le responsabilità di Atac nella cattiva gestione del Metrebus, allontanando tutttavia l’ipotesi di una fuoriuscita definitiva di Trenitalia dal progetto “In questi anni l’azienda si è seduta, non affrontando alcune criticità. Ora questi nodi li stiamo risolvendo anche con la stessa Atac e anche con Trenitalia, che ha interesse a superare ogni criticità”. 

 

 

Ma bisogna fare in fretta. Il rischio è un balzo enorme delle tariffe per i quasi 600.000 pendolari che ogni giorno vengono a Roma. Una soluzione serve, e anche in fretta. Altrimenti gli abitanti di zone vicino a Roma passeranno da 35 a 75 euro al mese per l’acquisto dei biglietti. (G.Z.)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23943 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014