torna su
19/09/2020
19/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Raggi: a Colomban ​la rivoluzione della burocrazia

Doppio incarico per l’assessore alle partecipate. Supervisionerà anche un gruppo di lavoro su Atac, Ama e Acea

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2016-12-22 22/12/2016 ore 7:30

Massimo Colomban e Virginia Raggi

Solo due giorni fa Massimo Colomban aveva dichiarato di non voler assumere la carica di vicesindaco perchè in qualità di imprenditore e tecnico preferiva concentrarsi sulla riorganizzazione delle partecipate. E così è stato. Il sindaco Virginia Raggi ha affidato all’imprenditore di fiducia di Daniele Casaleggio,  al quale  fanno già capo le partecipate del Comune, anche la guida della macchina amministrativa capitolina e la supervisione del gruppo di lavoro che dovrà studiare le sinergie tra Atac, Ama e Acea, dalle quali ci si aspettano cospicui risparmi.

Il compito più impegnativo è sicuramente la riorganizzazione della macchina burocratica  capitolina, da anni abituata a sprechi e inefficienze.  “Come assessore alla riorganizzazione del Comune e alle Partecipate – rileva il sindaco Raggi in una nota –  Colomban dovrà occuparsi di ottimizzare l’articolazione organizzativa di Roma Capitale nell’ambito di un più ampio processo di revisione strutturale che coinvolge anche le aziende partecipate. L’ obiettivo finale è un’ amministrazione più snella ed una organizzazione del lavoro più adeguata, che consentirà di proseguire con maggiore velocità e concretezza l’azione di governo”.

Da parte sua Colomban, che pur rinunciando alla carica di vicesindaco aveva assicurato a Raggi il suo sostegno e partecipazione alle scelte strategiche del Comune, ha sottolineato le convergenze tra riassetto della burocrazia e il taglio delle spese superflue nelle partecipate.  “Ho accettato questo ampliamento di perimetro del mio Assessorato – ha ribadito – anche perché sono convinto che esistono possibili importanti sinergie tra i due incarichi: riorganizzare la struttura operativa della macchina comunale agevolerà il lavoro da fare sulle partecipate e viceversa”. Nel doppio incarico a Colomban si deve riconoscere all’amministrazione M5S il coraggio di quel cambio di passo atteso da tempo e in sostanza l’inizio di quella rivoluzione della burocrazia comunale che fino ad ora era riuscita a respingere ogni intrusione della politica.

Un credibile riassetto della macchina amministrativa non poteva che cominciare dalle società del Comune. Ora un team di esperti, coordinati dall’ingegnere Paolo Simioni, e composto da manager provenienti da Roma Capitale e dalle singole società coinvolte,  procederà all’efficentamento dei processi, la riduzione dei costi e l’individuazione ed implementazione delle sinergie tra le Partecipate, con l’obiettivo – ha spiegato Colomban – di migliorare la qualità dei servizi resi alla cittadinanza ed aumentare la creazione di valore per i cittadini.

Il primo banco di prova potrebbe riguardare Ama e Acea, ovvero la chiusura del ciclo dei rifiuti, una delle priorità già indicate dal sindaco Raggi. La multiutility è da sempre interessata allo smaltimento dei rifiuti  e potrebbe sopperire alla carenza industriale di Ama, costretta a caro prezzo a spedire la spazzatura all’estero.
Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014