torna su
24/02/2020
24/02/2020

ADV

CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Raggi, inizia la settimana più lunga

Sul tavolo della sindaca il bilancio da approvare (con rischio stangata), lo stadio e il primo incontro con i pm per le nomine

Avatar
di Redazione | 2017-01-30 30/01/2017 ore 11:40

Lorenzo De Cicco e Fabio Rossi per Il Messaggero

 

Oggi il vertice di maggioranza in Campidoglio sulla delicata questione del progetto dello stadio a Tor di Valle; tra stanotte e domani il sofferto via libera al bilancio di previsione 2017; giovedì l’incontro con la Procura per il caso della promozione del fratello di Raffaele Marra, che le è costata l’iscrizione nel registro degli indagati. Se è vero che settimane lisce Virginia Raggi non le ha mai vissute – almeno dallo scorso 19 giugno, quando ha “espugnato” Palazzo Senatorio – quella che inizia oggi rischia di rappresentare davvero un passaggio cruciale per la sindaca e l’amministrazione pentastellata.

Lei punta a uscirne con meno danni (soprattutto giudiziari) possibile e a presentare come «passo decisivo» una manovra che, nonostante la bocciatura della prima stesura da parte dei revisori dei conti dell’Oref, considera il primo step per sviluppare «l’azione di governo e di rilancio» della Capitale. Per poi provare a uscire dall’angolo e rilanciare con il Patto per Roma, agitato come formidabile strumento di ripartenza prima del referendum costituzionale del 4 dicembre e poi messo da parte di fronte a problemi ben più urgenti.

Sullo stadio il gruppo grillino si riunirà oggi, alla presenza della sindaca e degli assessori. È in questa sede che dovrebbe essere formalizzata, da parte del M5S e quindi del Campidoglio, la richiesta di una «sospensione motivata» alla conferenza dei servizi convocata domani in Regione. Conferenza che altrimenti terminerebbe tra 24 ore, senza che il Comune abbia fornito il suo parere sulla discussa operazione calcistico-immobiliare di James Pallotta e del costruttore Luca Parnasi.

Al momento tra gli eletti Cinquestelle prevale la linea del “Prg”, il Piano regolatore generale che per l’area di Tor di Valle consente di edificare al massimo un terzo delle cubature sognate dai privati e presenti nel piano avallato nel 2014 dalla giunta Marino. Ma la verità è che nel gruppo M5S manca ancora un accordo tra le varie correnti: agli estremi ci sono i duri e puri del «no alla speculazione» e i «turbo-stadisti» favorevoli anche all’«Ecomostro» da un milione di metri cubi per negozi, uffici e alberghi.

Nel frattempo, in aula Giulio Cesare l’ampia maggioranza M5S dovrà percorrere l’ultimo miglio della Finanziaria capitolina, da approvare entro domani per non perdere 20 milioni di spazi di finanza, ossia l’autorizzazione del ministero dell’Economia ad ampliare la spesa corrente. Ma il via libera al bilancio potrebbe non bastare: l’Oref, pur non bocciando la seconda versione del provvedimento firmato dall’assessore Andrea Mazzillo, ha avanzato forti perplessità sulla tenuta dei conti. Potrebbe così essere dietro l’angolo una manovra d’assestamento molto dura, con la necessità di recuperare altri 100-150 milioni. Per non parlare delle aziende partecipate, per le quali la riforma prevista dal Salva-Roma è ancora in mezzo al guado.

Rinviato l’appuntamento di oggi, ma solo per tre giorni, l’incontro con i pm resta però il piatto forte della settimana. L’interrogatorio di Raggi sarà il primo confronto diretto tra indagata ed inquirenti: si farà luce sulle dinamiche che hanno portato alla nomina di Renato Marra, giudicata illegittima dall’Anac e cristallizzata in quel parere alla base dell’indagine coordinata dal pm Francesco Dall’Olio. Da quel momento si avranno nuovi elementi anche per immaginare il possibile prosieguo della consiliatura.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
22200 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014