torna su
19/09/2019
19/09/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ostia, riparte la stagione balneare: traffico paralizzato

Code da incubo, in 300mila hanno affollato le coste del litorale romano

Avatar
di Redazione | 2017-04-10 10/04/2017 ore 14:31

Mirko Polisano per Il Messaggero Roma

 

L’assalto dei trecentomila. Tanti sono stati nel week-end, secondo i dati della Prefettura, i romani che hanno scelto il mare di Ostia. Mancano meno di due settimane all’apertura della stagione balneare ma per molti è già scoppiata l’estate. Ieri mattina prese d’assalto le strade in direzione Ostia. Sono stati in tanti a cedere alla tentazione del primo caldo per lasciare la città e dedicarsi a una giornata in spiaggia, con inevitabili ingorghi e rallentamenti. Poco relax, dunque, e molto stress a causa della viabilità che, nelle ore di punta, è andata completamente in tilt.

 

Sulla Cristoforo Colombo e sulla via del Mare si procedeva a passo d’uomo. Un incidente al chilometro 22 della carreggiata centrale ha bloccato la circolazione sulla Colombo. Assente il Gruppo Intervento Traffico, i rilievi sono stati effettuati dal X gruppo Mare che ieri in azione aveva soltanto tre pattuglie. Con l’organico ridotto all’osso, i caschi bianchi di Ostia hanno fatto quello che hanno potuto, avendo mezzi rotti e straordinari non pagati. Arriva il caldo e la stagione balneare è al decollo, ma manca ancora un «piano Estate».

 

Il gruppo Roma Mare, a corto di agenti con un organico fermo a 250 unità, come ogni estate dovrà far fronte in ogni modo all’esercito di auto e di moto oltre che alla movida notturna. Negli anni passati, seppure in ritardo e con molte incertezze fino all’ultimo, l’amministrazione capitolina ha garantito il servizio con una quota di circa 400 mila euro destinata ai turni straordinari. «Non è ammissibile un difetto di pianificazione così grossolano – tuona Raffaele Paciocca, rsu Cisl della polizia municipale di Ostia – È una questione di afflusso di una vasta parte dei cittadini che cerca uno giornata al mare creando problemi di ordine pubblico. I disagi di ieri sono molto gravi. Il nuovo comandante deve intervenire presso il comando centrale perché vi siano interventi sulla carenza di organico e sull’amministrazione per elaborare un piano viabilità per queste evenienze».

 

Ma la giornata è stata caratterizzata anche dai primi tuffi e tintarelle sul litorale romano in una domenica in cui la colonnina di mercurio ha segnato 21 gradi. Tanto è bastato ai romani per approfittare della giornata di sole e recarsi in spiaggia. Da Ostia a Fregene, folla delle grandi occasioni nel primo assaggio d’estate. Paralisi a Ostia con il lungomare centrale invaso da auto: tempo di percorrenza verso Roma, al rientro, un’ora e mezza. Problemi anche sulla via Litoranea dove la cronica assenza di parcheggi fa da terreno fertile agli abusivi. Le auto lasciate in sosta selvaggia hanno creato non poche difficoltà al trasporto pubblico, con gli autobus che hanno dovuto compiere un vero percorso a ostacoli.

 

A Nuova Ostia, sul lungomare Duca degli Abruzzi, i chioschi sono ancora chiusi perché le strutture sono da assegnare e, di conseguenza, l’arenile non era dotato dei servizi: né noleggio di attrezzature e nemmeno di bagni. Pienone anche ai tavolini all’aperto di bar e ristoranti sia a Ostia che a Fiumicino. Strade intasate sia nell’orario d’assalto al mare che al ritorno a casa. Particolarmente congestionate l’area del Villaggio dei Pescatori di Fregene, che diviene il “collo di bottiglia” che ostruisce il defluire del traffico. Code anche sull’Aurelia. E così l’assaggio d’estate diventa un boccone amaro.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21077 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014