torna su
23/11/2020
23/11/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il valore economico della bici in Italia. De Rio: sfida culturale

A Roma rapporto Legambiente su economia e ciclabilità: oltre 6 miliardi di fatturato

Giacomo Di Stefano
di Giacomo Di Stefano | 2017-05-5 5/05/2017 ore 15:00

Un fatturato che supera i valori dell’export del vino. Numeri a nove cifre – 6.2 miliardi – che raddoppiano il fatturato della Ferrari. Sono i numeri del valore complessivo degli spostamenti ciclabili in Italia, tra produzione, risparmio di carburante e benefici sulla salute. Un insieme di dati, numeri e riflessioni raccolti nel Bike Summit 2017, il primo rapporto sul valore economico della ciclabilità nel Bel Paese. L’evento, organizzato da Legambiente, ha coinvolto addetti ai lavori, politici, imprenditori e amanti delle due ruote. Ospite d’eccezione il ministro dei Trasporti Graziano Del Rio. “Le ciclabili vanno considerate come una grande infrastruttura nazionale – spiega Del Rio alla giovane platea presente in sala – è una sfida culturale e andrà trattata come tale”.

Il ministro ha anche rivendicato due obiettivi: portare le ciclovie nel CDM e convincere gli autotrasportatori a spostare il più possibile i trasporti dalla gomma al ferro.

Tanti i dati interessanti presenti nel rapporto. Sono 743mila i frequent biker, gli italiani che usano sistematicamente la bici per andare a lavoro. Capofila di questo trend la provincia di Bolzano, con oltre il 13% di abitanti che utilizzano le due ruote per raggiungere il luogo di lavoro. Il capoluogo altoatesino è seguito da Emilia Romagna e Veneto.

Per quanto riguarda gli spostamenti ciclabili sul totale degli spostamenti urbani, il podio è costituito dalla stessa Bolzano seguita da Pesaro e Ferrara. Diverso invece il dato sulle metropoli. A Milano – anche grazie all’istituzione dell’Area C e a un buon sistema di trasporti – il 6% dei milanesi si sposta in bici. Un dato importante se raffrontato a quello di Roma, dove solo lo 0,5 percento dei romani utilizza la bici per i propri spostamenti.

Controtendenza il dato sulle piste ciclabili. Dal 2008 al 2015 le infrastrutture riservate a chi utilizza la bicicletta sono aumentate del 50%. Nonostante questo, il dato di chi realmente utilizza le bici è rimasto invariato: 3.6 nel 2008 e 3.6 nel 2015.

Capitolo incentivi. Piero Nigrelli dell’ANCMA (branca confindustriale dei produttori di bici e moto) è convinto della loro importanza. “Nel 2009, con l’allora ministra Prestigiacomo, le politiche d’incentivo hanno portato ottimi risultati” spiega Nigrelli, prima di spiegare alcune fragilità del settore: in periodi di maltempo e piogge si può vendere anche il 10% in meno.

Durante la presentazione del rapporto, alcune realtà imprenditoriali innovative hanno raccontato la propria esperienza. Particolarmente interessante l’applicazione UP2GO , un sistema di carpooling riservato ad aziende medio/grande per ottimizzare gli spostamenti per i propri dipendenti.

Stampa

A proposito dell'autore

Radiocolonna, Il Messaggero, Wired Italia. Tecnologia, politica e cronaca di Roma.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014