torna su
20/08/2019
20/08/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Pontina, nel Car controlli sulle verdure contro la diossina

Il direttore Pallottini: “Allarmismi infondati, il sistema è collaudato, monitoraggi avviati, aziende avvertite”

Avatar
di Alg | 2017-05-8 8/05/2017 ore 17:48

Intervento per incendio (Foto Vigili del fuoco)

Fin alle ore 13 nessuna indicazione ufficiale della Regione Lazio in senso emergenziale – restrittivo o cautelativo – riguardante le attività di commercio e di distribuzione di ortofrutta fresca ritenuta o sospettata di origini e provenienza dalla zona interessata dalla cosiddetta “nube nera di Pomezia”, sulla Pontina era ancora arrivata alla Direzione generale del Centro Agroalimentare di Roma.

Un segno, questo, che le Autorità competenti che seguono, controllano e gestiscono la evoluzione della situazione seguita all’incendio dell’impianto di smaltimento rifiuti di via Pontina vecchia non accreditano per ora ipotesi estreme o drastiche disposizioni limitative. Le aziende grossiste attive nel Car sono state però informate del “divieto di raccolta, commercializzazione e consumo” dell’ortofrutta coltivata nell’area della nuvola nera, emesso dai Sindaci di Pomezia e Ardea e chiesto dalla Asl Rm6. “Il che – spiega il direttore generale del Car Fabio Massimo Pallottini – in un grande mercato all’ingrosso dove le imprese assicurano la tracciabilità e la rintracciabilità integrale di tutti i prodotti in commercio (secondo le norme di legge), è già una solida garanzia a tutela preventiva dei consumatori e del mercato”.

Ma nel Car, dopo il disastro sulla Pontina, lo stato di allerta è già scattato. “Non è un allarme – tiene a sottolineare Pallottini – perché non abbiamo raccolto alcun riscontro oggettivo, né ricevuto comunicazioni ufficiali in tal senso. Si tratta di misure per la più efficace prevenzione del rischio, che consistono prima di tutto nell’avvio di controlli a campione sulle verdure a foglia e su eventuali tracce di diossina oltre i livelli di guardia. Vogliamo verificare inoltre i livelli di concentrazione dei ‘furani’ (residui di combustioni industriali come ceneri di forni di rifiuti), di ‘Pci’, ‘Ipa’ e metalli pesanti sugli ortaggi in genere”.

E’ rassicurante per i consumatori, per il mercato e le aziende, il largo impiego di serre e tunnel, in quella e in altre zone del Lazio, per coltivare le fragole, ben difese così da eventuali ricadute di particolato, di polveri e residui. In parallelo all’avvio delle rilevazioni presso accreditati laboratori chimici convenzionati, all’interno del Car abbiamo infittito le operazioni di vigilanza e di verifica sullo scarico delle merci con cui le aziende si riforniscono. Sulle banchine logistiche dei box, spiega ancora Pallottini,  il nostro personale esegue controlli di fatture e bolle anche più attenti e più severi del solito. I grossisti? Consapevoli della situazione, collaborano.

E i consumatori? “Mai come in questi momenti – allarga le bracca il top manager del Car – eviterei ogni e qualsiasi acquisto di frutta e verdura fresca da quei furgoni abusivi fermi ai lati delle strade con prodotti d’origini dubbie”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
800 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014