torna su
21/02/2020
21/02/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Occupazione e istruzione delle donne: le differenze di genere nella Capitale

A Roma più donne che uomini laureati. Sorprese sul dato relativo all’occupazione.

Giacomo Di Stefano
di Giacomo Di Stefano | 2017-07-11 11/07/2017 ore 10:00

Nei quartieri di Roma ci sono più donne o più uomini laureati? Il tasso d’occupazione corrisponde a una parità di genere o ci sono ancora differenze sostanziali tra uomini e donne occupate?

Per risolvere questi interrogativi abbiamo una nuova rilevazione di Mapparoma con i dati dell’ultimo censimento. Il quadro che viene fuori dallo studio racconta una situazione a luci ed ombre, dove una sostanziale parità di genere sul fronte dell’accesso all’istruzione non corrisponde a un’uguaglianza nelle opportunità lavorative.

Il primo dato interessante è che a Roma ci sono più donne che uomini con una laurea: 266mila contro 235mila, 53% contro il 47% maschile.

Il tasso di laurea femminile ha dei picchi nelle zone più ricche della Capitale, soprattutto nel Municipio I, II a Roma Nord e in zona Eur. Record in zona Salario, con il 44%, seguono Parioli, Celio, Trieste, Nomentano e Centro Storico. Bassi i tassi di laurea in zone periferiche, dove si arriva a numeri sotto al 10%: parliamo di Tor Cervara, Borghesiana e Santa Palomba. Tendenzialmente, i bassi tassi per le donne corrispondono a percentuali modeste per gli uomini, con un dato in controtendenza nella periferia storica di Roma: qui, gli uomini laureati sono un po’ di più.

Se sul fronte dell’istruzione la bilancia va leggermente a vantaggio della popolazione femminile, diverso è il discorso sul fronte lavorativo. Il vantaggio occupazionale della popolazione maschile è superiore di 8 punti percentuali rispetto a quella femminile. Il tasso di donne che lavorano resta comunque molto alto in alcune zone come Magliana (70%), Navigatori (66%), Salario, Appio, Eroi, Monte Sacro e XX Settembre (64%).

Bassi tassi di occupazione femminile si registrano nella periferia fuori dal GRA, in tutti i quadranti cittadini. Percentuali sotto al 50% a Santa Maria di Galeria, Cesano, Tor Cervara, Borghesiana, Torre Angela e Santa Palomba. Ed è proprio in queste zone che il differenziale occupazionale con la popolazione maschile segna un maggior divario a favore degli uomini, con differenze che toccano il 27% a Santa Maria di Galeria e il 21% a Prima Porta. Il tasso in controtendenza in alcune aree del Centro Storico – dove le donne risultano più occupate degli uomini – non deve trarre in inganno: il dato è viziato dalla presenza di tanti senza fissa dimora alla Caritas e in associazioni situate soprattutto nella parte centrale della città.

(immagini di Mapparoma)

Stampa

A proposito dell'autore

Radiocolonna, Il Messaggero, Wired Italia. Tecnologia, politica e cronaca di Roma.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014