torna su
28/01/2020
28/01/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Siccità: Daga (M5s), Roma soffre ritardi legge Regione

Una risorsa così preziosa come l’acqua richiede una ripubblicizzazione dei gestori o almeno un maggiore controllo su attività, spesso inadeguata e fuori dalle regole

Claudio Sonzogno
di Claudio Sonzogno | 2017-07-24 24/07/2017 ore 18:07

Federica Daga, foto tratta dal profilo Facebook

“Un maggiore impegno nell’ applicazione della legge sull’acqua pubblica del 2014 che prevede una ripubblicizzazione del gestore e la suddivisione del territorio in 14 bacini idrografici, che consentono quindi un maggiore controllo su una risorsa vitale, avrebbe potuto evitare alla Capitale di arrivare all’emergenza di questi giorni.” E’ quanto Federica Daga, deputato M5s della Commissione Ambiente, rimprovera al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che con la decisione di bloccare all’Acea di aspirare acqua dal lago di Bracciano ha determinato il razionamento idrico a Roma.

 

“La necessità di una gestione più oculata di una fondamentale risorsa come l’acqua non tocca solo Roma Capitale, ma tutta l’Italia, e il problema – rileva – è presente da anni. Persino l’emergenza era stata in un certo senso prevista da parte dei Comitati per l’acqua pubblica, che avevano messo in guardia dei cambiamenti climatici, della trascuratezza verso il territorio, e di una gestione privatistica spesso inadempiente, soprattutto riguardo depurazione e fognature.”

 

Secondo la parlamentare Cinquestelle i responsabili sono tutti: governo, regione, comuni che lasciano a terzi la gestione dei servizi senza poi esercitare alcun controllo. “ Dobbiamo così registrare – sottolinea – una serie di infrazioni, di atti contro la tutela ambientale, la mancanza di valide manutenzioni ordinarie, nonché adeguati investimenti.

 

“Nel caso di Acea – precisa Federica Daga – mi risulta che la gestione precedente non aveva voluto ascoltare e quindi non si era mossa, nonostante la richiesta del Campidoglio di migliorare la manutenzione degli acquedotti. Solo col cambio dei vertici lo scorso maggio sono state bene individuate le perdite e si è cominciato ad eliminarle.”

 

“Ho fiducia – conclude Daga – che Virginia Raggi, che ha convocato in Campidoglio i vertici della Regione e di Acea per cercare di evitare il razionamento dell’acqua nella Capitale, riesca a spingerli a trovare una soluzione, tenuto anche conto che in agosto i consumi nella città dovrebbero diminuire. E’ auspicabile però che si concordi presto anche un serio programma di interventi per evitare di trovarsi di nuovo nell’emergenza. “

Stampa

A proposito dell'autore

Claudio Sonzogno
136 articoli

Giornalista professionista dal 1969, ha diretto agenzie di stampa nazionali dal 1972 al 2011. Da Direttore dell'Agenzia finanziaria Radiocor e dell'Agenzia Giornali Associati, AGA, a Direttore dell'Asca, la prima agenzia italiana su Internet. Dal 2009 al 2011 Direttore dell'Agenzia APCOM/TMnews, oggi Askanews, innovativa nelle videonews. Ha collaborato con L'Espresso. Opinionista per i Gr della Rai, ha partecipato a programmi di economia. Scrive per "Prima Comunicazione".

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014