torna su
28/02/2021
28/02/2021

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Mafia, Car: stretta collaborazione con forze dell’ordine

La società titolare dell’Agromercato smentisce ipotesi di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata dopo operazione Rinzivillo.

Avatar
di Redazione | 2017-10-6 5/10/2017 ore 8:33
(ultimo aggiornamento il 6 Ottobre 2017 alle ore 10:29)

“Oltre a ringraziare con la sincera e unanime riconoscenza della comunità di lavoro del Car le forze dell’ordine, la magistratura, gli organismi antimafia impegnati nei brillanti interventi odierni effettuati anche a Roma contro la criminalità organizzata, CAR Scpa – società titolare e conduttrice del Centro Agroalimentare di Roma – intende chiarire alcune imprecisioni e smentire le frettolose approssimazioni echeggiate a carico del più grande ed importante agromercato all’ingrosso italiano in margine all’incontro stampa tenuto degli investigatori concluse le operazioni.

Sul Car non ci sono le mani di nessuna famiglia, cosca, banda, organizzazione o consorteria criminale. Rappresentazioni così alterate della situazione di una grande infrastruttura logistica e distributiva che crea 2 miliardi di fatturato con 5.000 persone impegnate in oneste attività quotidiane – sottolinea Car Scpa – recano gravi danni d’immagine e di reputazione alle aziende e ai legittimi interessi che assicurano lavoro, sviluppo, tutela della salute, redditi, innovazione, prelievo fiscale. E accreditano alle mafie successi e capacità che non hanno. Viceversa, le condizioni di lavoro nel Car sono quelle di un ambiente sano, trasparente, in grado di tutelarsi da pressioni e da infiltrazioni illegali, ma anche di sviluppare nuovi anticorpi.

La società titolare dell’Agromercato di Roma dal 2002 ricorda l’azione di prevenzione e contrasto del crimine organizzato anche dei tentacoli meno visibili, che ha sempre svolto in costante confronto collaborativo con la Prefettura di Roma, la Procura di Tivoli, la Pubblica Sicurezza, l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, i commissariati locali. Ricorda, altresì, che nel CAR è richiesto alle aziende il certificato antimafia non solo per gli appalti (come impone la legge), ma anche per candidarsi a box in affitto e a padiglioni in diritto di superficie.

Car Scpa è inoltre in grado di metter in campo forze e mezzi ulteriori per seguitare a garantire ai consumatori, alle aziende e al mercato il più assoluto rispetto della legalità, oltre al massimo della sicurezza e della trasparenza, seguendo le indicazioni degli Organismi preposti e l’esperienza degli operatori. In proposito, Car Scpa segnala che l’azienda accusata di aver stretto relazioni con il clan sbaragliato oggi non fa più parte da tempo delle imprese attive nell’Agromercato, ma ne fu estromessa per inadempienze ed è perseguita per questo.

La società titolare del Car rinnoverà inoltre le comunicazioni ufficiali inviate a suo tempo alle aziende interne, in cui le diffida a norma di legge dalle relazioni e negoziazioni (soprattutto se estorsive e ricattatorie) con soggetti privi dei presupposti di trasparenza e correttezza amministrativa e perciò in grado di nuocere alla reputazione della intera comunità aziendale. Il Car non è infiltrato né assediato – conclude la nota – e se presidia una filiera difficile, resta un mercato sano e capace di difendersi con le dovute intese e le collaborazioni necessarie e mai venute meno”. É quanto si legge in una nota del Car.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24956 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014